Salta al contenuto principale
|

Pronto un documento dei sindaci per chiedere le dimissioni del direttore Usr, Marcello D'Alberto. E i mesi di ritardo del Cas?

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Quei tredici mila euro hanno fatto saltare il banco.

Soprattutto le risposte a compendio, a giustificare gli obiettivi raggiunti.
Non per una seconda casa, una classe E che non si trova, le case con i danni lievi, le tante B che aspettano di poter iniziare, le delocalizzazioni che hanno un artigiano in attesa da mesi, no, ma credere fermamente di aver meritato quel premio è un grave difetto di visione. ( ascoltate https://www.youtube.com/watch?v=NnuDtqWgseQ&t=2s ).
Quando si risponde su argomenti delicati come gli affetti di una casa ci vuole anima, cuore, emozione, imbarazzo.
Si può affermare di aver compiuto "un ottimo lavoro"?
Dopo due anni manca un ufficio organizzato e il personale che avrebbe bisogno di altri 20 tecnici,
Quale sarebbe il compito di un Manager?
Organizzare nell'immediato l'ufficio e trovare il giusto personale, o no?
Quali sarebbero le giustificazioni per il premio da 13 mila euro?
Aver saputo organizzare l'ufficio speciale per la Ricostruzione.
Chi prova confusione?
Nel frattempo la protezione civile regionale è senza un euro per il cas.
Quasi quattro mesi di ritardi nei pagamenti e gli alberghi stretti al collo di un anticipo di cassa diventato intollerabile.
Ma va tutto bene, fino a ieri.
Domani si chiederà il cambio dell'allenatore.
Esonero a firma di molti Primi Cittadini. 

Commenta

Commenti

Era oraaaaaaa !!!!

Dio c'è!!!!