Salta al contenuto principale

L'Adriatico abruzzese come i caraibi? La Ruzzo Reti inaugura il depuratore di Alba Adriatica e pronti investimenti su Martinsicuro, Tortoreto e Giulianova...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Dopo il depuratore di Tortoreto, oggi, 15 luglio 2021, la Ruzzo Reti ha inaugurato il secondo impianto di ultima generazione nella zona artigianale Casasanta di Alba Adriatica. L’impianto ha una capacità depurativa di oltre 90 mila abitanti equivalenti e servirà il territorio di Colonnella, Martinsicuro, Alba Adriatica, Corropoli e parte di Tortoreto.

L'impianto di depurazione, ultimato dopo 4 anni di lavori, è costato quasi 10 milioni di euro (di cui 9 di fondi regionali).

Il depuratore di Alba Adriatica è dotato di tre linee di trattamento acque reflue a fanghi attivi e di ben sette vasche. Come quello di Tortoreto, anche questo impianto di depurazione è altamente tecnologico e si caratterizza per una maggiore efficienza energetica, per il basso impatto ambientale e per la particolare attenzione alla gestione degli odori e dei fanghi. Il depuratore di Alba Adriatica è destinato a ricevere progressivamente tutti i reflui provenienti dai principali centri della Val Vibrata, con la graduale dismissione degli impianti di depurazione di piccola e media taglia.

Il piano di investimenti programmato dalla governance della Ruzzo Reti prevede ulteriori interventi, cofinanziati dalla Regione Abruzzo, dall’Ersi e dalla stessa società acquedottistica teramana. Si tratta di opere che andranno a potenziare ulteriormente il sistema integrato di reti gestite dal Ruzzo nella zona, come la condotta litoranea adduttrice all’acquedotto che servirà i Comuni di Martinsicuro, Tortoreto, Alba Adriatica e Giulianova per un importo totale di 18 milioni di euro. Un altro provvedimento relativo al comune di Martinsicuro riguarda l’ampliamento dell’impianto di depurazione con lavori, finanziati anche dalla Regione Abruzzo, per un importo totale di 3 milioni di euro.

Commenta

Commenti

DEPURATORI A TUTTA FORZA!
...... il mare non diventerà DOLCE ma le bollette dell'acqua, sicuramente più SALATE e i FANGHI velenosi, se non verrano eliminati correttamente, diverranno "efficaci fertilizzanti"......a
chilometro zero !
Massima attenzione & vigilanza dunque!
Il faut savoir
Aznavour

Magari si diventa un Paese civile, con depuratori che magari FUNZIONANO ed evitano enteriti a turisti e locali come, vergognosamente, accadeva fino a poco tempo fa.