Salta al contenuto principale
|

Operazione Castrum: La responsabilità politica è l'ultimo passaggio...17esima puntata

4 minuti

C’era un paese che si reggeva sull’illecito. Non che mancassero le leggi, né che il sistema politico non fosse basato su principi che tutti più o meno dicevano di condividere. Ma questo sistema, articolato su un gran numero di centri di potere, aveva bisogno di mezzi finanziari smisurati (ne aveva bisogno perché quando ci si abitua a disporre di molti soldi non si è più capaci di concepire la vita in altro modo) e questi mezzi si potevano avere solo illecitamente, cioè chiedendoli a chi li aveva in cambio di favori illeciti. Ossia, chi poteva dar soldi in cambio di favori, in genere già aveva fatto questi soldi mediante favori ottenuti in precedenza; per cui ne risultava un sistema economico in qualche modo circolare e non privo di una sua autonomia.
Nel finanziarsi per via illecita, ogni centro di potere non era sfiorato da alcun senso di colpa, perché per la propria morale interna, ciò che era fatto nell’interesse del gruppo era lecito, anzi benemerito, in quanto ogni gruppo identificava il proprio potere col bene comune; l’illegalità formale, quindi, non escludeva una superiore legalità sostanziale.
(Italo Calvino)


Operazione Castrum.fdffdfdfdf
La 17esima puntata è dedicata alla Letteratura Italiana.
Italo Calvino che con le sue analisi anticipava e leggeva i tempi.
Andrea De Feis e Luca Sciarretta.
Il GIP Domenico Canosa.
La Guardia di Finanza di Teramo (nucleo polizia tributaria ).
Maria Angela Mastropietro dirigente comune di Giulianova.
Alcuni personaggi in cerca di autore. 

Continuano gli interrogatori.
Quasi un mese di detenzione carceraria per i coniugi Mastropietro e i fratelli Scarafoni.
Le domande della Procura di Teramo e della Guardia di Finanza vertono sulle tracce dei soldi.
Nel mirino i dipendenti di vari enti pubblici e alcuni noti imprenditori.
La Politica?
Sarà l'ultimo passaggio.
La sintesi di un'inchiesta che tirerà la rete al termine di una pesca che ha visto la moltiplicazione del simil figlior prodigo.
Gli snodi.
I Ponteggi.
Le impalcature ferme.
Immobili.
Quanto costano al giorno?
Al mese?
A metro quadro?
L'Ospedaletto di Porta Romana.
Quanto ha speso l'asl di Teramo?ghghghgh
Tutte le inchieste sulla ricostruzione sono partite dagli snodi e i loro costi di affitto. 
Si legge, in un vecchio articolo del 2010 su La Repubblica

Si sono alzate nuove barriere, attorno alla zona rossa. Sono le reti di plastica arancione stese a protezione dei nuovi cantieri dalle imprese che, dopo avere costruito le New town, ora si sono gettate nell'affaire puntellamento. "Anche in questa operazione - dice Eugenio Carlomagno - girano milioni a non finire. Per puntellare un edificio vincolato dalla Sovrintendenza si mettono impalcature speciali, con "nodi" - sono i ganci che bloccano quattro tubi - che costano dai 18 ai 28 euro l'uno. In un palazzo se ne usano migliaia. Nel nostro Comitato - ci sono ingegneri, architetti, docenti e altri tecnici - abbiamo calcolato che, anche per le case private, in un'abitazione media si spendano dai 50 ai 60 mila euro. Per un palazzo importante si arriva a 500.000 euro e anche a cifre più alte. È comunque assurdo spendere soldi anche per quegli edifici che saranno abbattuti. Oggi mezzo milione per il puntellamento, domani duecentomila euro per togliere tubi e cavi e poi si tornerà al punto di prima. Il puntellamento avrebbe avuto un senso forse nei primi giorni dopo la scossa. Ma anche allora si era capito che le misure da prendere dovevano essere diverse. Si dovevano abbattere le parti pericolanti, portare via le macerie e iniziare una ricostruzione vera. E invece le macerie sono ancora tutte qui".
http://www.repubblica.it/cronaca/2010/02/20/news/l_aquila_il_grande_affare_dei_ponteggi_uno_spreco_da_centinaia_di_milioni-2366259/

Le intercettazioni raccontano di un sistema di controllo che non è esistito.
Quando Andrea Scarafoni parlava al telefono con un dipendente di un'azienda rivale era veramente eloquente.
La sintesi del Gip Canosa diviene crasi perfetta.
"
Nel corso della telefonata Andrea SCARAFONI si lamenta con xxxxxxxx per il fatto di
non essere mai stato invitalo dalla Dirigente MASTROPIETRO alle recenti gare indette dal
Comune di Giulianova aventi ad oggetto la realizzazione di lavori pubblici, a differenza di altre
imprese, quali xxxxxxx   xxxxxx   xxxxxxxx in ordine alle quali gli interlocutori
ipotizzano legami risalenti con la MASTROPIETRO".


La rete a strascico sta per essere tirata su...acqua in bocca.



 

Commenta