Salta al contenuto principale
|

Caso Tercoop. Che fine ha fatto la Determina di cessazione del servizio?

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Tutto a tutela della Tercoop.
A quando il nuovo bando?
Che fine ha fatto la determina di cessazione del servizio?
Perchè è stata ritirata?
Perchè non ha avuto la seconda forma dirigenziale?
Il Presidente della Commissione Garanzia del Comune di TEramo, Franco Fracassa ha fatto accesso agli atti.
https://www.youtube.com/watch?v=xJawN0mpflU&feature=youtu.be

 

Commenta

Commenti

La "illegittimità" della proroga non nasce a seguito di un esposto alla Procura inoltrato circa un paio di anni fa da un Consigliere comunale, ma nel 2013 perchè la proroga del 2012 era finalizzata solo all'indizione e all'espletamento della gara e per le leggi vigenti non poteva durare oltre i 6 mesi o un anno al massimo. La Tercoop in questi anni ha sollecitato in tutti i modi una soluzione, con numerose presenze in Consiglio comunale, con comunicati stampa, attraverso i sindacati, proponendo al Comune di Teramo anche dei progetti di partenariato Pubblico-Privato molto vantaggiosi per L'Ente, ma la precedente Amministrazione ha tergiversato per ben 5 anni e non ha mai dato una risposta come era tenuta a fare. Perchè il signor Franco Fracassa che ha fatto parte di quella Amministrazione come Consigliere comunale e come Assessore si ricorda solo oggi di sollevare le spinose questioni? Nonostante la "illegittimità" della lunga proroga il Comune dal 2013 ha incassato oltre seicentomila euro di Cosap "illegittimamente"? In teoria ci si dichiara dalla parte dei lavoratori e si chiedono soluzioni, ma in pratica l'unica proposta che ascoltiamo è quella di sospendere il servizio con il risultato di quasi 30 disoccupati teramani in più. I soci lavoratori della cooperativa sociale tornano invece a sollecitare la gara in tempi brevi e ricordano che una Commissione consiliare nel dicembre del 2017 ha discusso e valutato positivamente all'unanimità una proposta di Contratto misto presentato dalla Tercoop e successivamente finito nel dimenticatoio. Chi a parole si dichiara interessato a salvaguardare i posti di lavoro avrebbe già una soluzione a portata di mano e sarebbe sufficiente solo un po' coerenza fra il dire e il fare.

col bandi nuovi non è detto che la tercoop vinceva o vince l'appalto.....meglio metterci una pietra sopra e ricominciare e vinca il migliore anche se sarebbe meglio parcheggi liberi/gratis.

Caro Leo Iachini, è giusto quello che lei dice, ma è questo il nuovo modo di fare politica a Teramo, si chiama PREDICARE BENE E RAZZOLARE MALE.
Basta vedere la nuova giunta che in campagna elettorale sbandierava che Teramo doveva ripartire, che i terremotati dovevano rientrare nelle loro case, le strade e le buche, le erbacce da tagliare a Teramo e nelle frazioni, ecc..ecc..
Poi invece, una volta che si sono assicurati le poltrone, portano avanti il programma della vecchia amministrazione, cioè il fare NIENTE, il dire NON CI SONO I SOLDI, come se loro prima erano sul pianeta Marte.
Ma la pazienza dei cittadini sta per finire caro LEO IACHINI.