Salta al contenuto principale
|

No alle tasse nei crateri sismici...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Una proroga decisa dal Governo Gentiloni di quattro mesi.
Un segnale rassicurante che nutrirà il corteo di protesta di cittadini, imprenditori, politici contro il proprio Governo, politici di opposizione, politici di transizione, domani mattina a L'Aquila davanti alla fontana Luminosa.
Cento venti giorni di tempo per trovare una intesa negoziata con l'Europa.
L'ansa ufficiale è stata molto netta.
" Nel pomeriggio di ieri la presidenza del Consiglio dei Ministri ha firmato un decreto che autorizza la proroga di 120 giorni per l'esecuzione di tutta la procedura prevista in capo al commissario straordinario Calabrò per il recupero delle imposte del 2010 per il terremoto dell'Aquila del 2009". Lo ha annunciato la commissaria alla ricostruzione del Centro Italia Paola De Micheli a margine della visita del premier Gentiloni a Muccia, ricordando che sulla vicenda c'è un'infrazione europea. De Micheli ha parlato anche dello "scontro tra Italia ed Europa". "Ad là dei tecnicismi- ha spiegato - la proroga significa che imprese e commissario avranno più tempo per approfondimenti sul recupero delle imposte". Più tempo a disposizione anche per "Parlamento e nuovo Governo per una ulteriore ipotesi di soluzione negoziata con l'Europa per cercare di ridurre al minimo il danno di questa infrazione europea". Intanto l'attuale governo continua ad occuparsi "senza sosta delle emergenze del Paese".

Una lunga attesa che pone la differenza tra Ricostruire e Distruggere.
Non è poco per il futuro di un intero territorio.
https://www.youtube.com/watch?v=xXgxSK4OCiY
 

Commenta

Commenti

l'europa ha rotto i coglioni.....