Salta al contenuto principale
|

A14-.Leggete il decreto di sequestro. I brividi dell'insicurezza...

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Decreto di sequestro preventivo del 11/09/2019.
Vi ricordate?
Viadotto San Biagio, Campofilone, Santa Giuliana, Santa Maria, Cerrano, Marinelli, Valloscura, Ptronilla, Calvano, Vallelunga.
Pag, 23 
"Inaffidabilità delle barriere a reggere efficacemente l'urto con tale tipologia di barriera"

Pag 21.
Il sistema barriera doveva essere omologato e certificato prima della loro installazione e non dopo".

Concordo con l'analisi di Augusto De Sanctis del Forum H20 quando scriveVeramente incredibile, una cosa da far impallidire. Cerco di riassumere un documento che contiene numerosissimi spunti.
Infatti, racconta il GIP, DOPO la tragedia dell'incidente di Avellino, con 40 morti, Autostrade pensò bene di sostituire in tutta Italia gli ancoraggi ammalorati con aste d'acciaio fissate con malta cementizia, una modalità non certificata e, secondo un tecnico del ministero, meno costosa.
Lo fece nel 2014-2015 senza avvisare il Ministero i cui tecnici appresero della cosa solo successivamente durante alcune ispezioni.
A quel punto scatta l'intervento del Ministero e poi le indagini del PM di Avellino. Il GIP arriva alla conclusione che anche i crash test effettuati da Autostrade per cercare di certificare a posteriori le barriere sono inattendibili (in due casi i test con esito negativo non furono trasmessi al ministero). Ci sono dubbi anche sulla possibilità di estendere i risultati dell'unico crash test positivo.
A quel punto tra il 2018 e il 2019 si susseguono pareri negativi alle richieste del concessionario di poter omologare comunque le barriere dove erano stati cambiati gli ancoraggi (ben due pareri del Consiglio Superiore dei lavori Pubblici; i pareri dei periti del PM; i pareri dei tecnici del ministero). Questo perché non darebbero un'adeguata sicurezza.
A luglio 2019 il Ministero ordina di sostituire senza indugio le barriere in diversi viadotti in Italia. Autostrade si oppone.
Il Ministero prepara a quel punto un programma di sostituzione ordinando i viadotti che hanno bisogno di interventi in tre gruppi di priorità.
A quel punto il GIP amplia il sequestro ai viadotti della A14 nel primo gruppo di priorità.
Non è finita qui. Autostrade chiede il dissequestro non per poter sostituire direttamente le barriere ma per effettuare dei test "pull-out" per cercare di procedere sempre ex post all'omologazione delle barriere.
Il GIP dice che è un tentativo dilatorio.
Così siamo arrivati a questo punto.
Veramente incredibile (anche dover pagare lo stesso il pedaggio, eh)".


Tutto su carta e documenti.
Basta leggere

Commenta

Commenti

Vergogna,vergogna e solo vergogna.
In Italia.le disgrazie vengono sempre previste ma,mai evitate.........

Lo si vede solo in Italia, pazzesco! :-(

Pensare che io ci passo su questa autostrada 2 volte al giorno mi vengono i brividi... aspettiamo che accada qualcosa di veramente grave .....

Tante domande e tanti dubbi... in italia prima ci scappa il morto poi qualcosa si muove. A 14 autostrada degli anni 70 e anno zero di manutenzione... della serie come è stata costruita cosi e rimasta. Ma una domanda, se i viadotti intressati sono numerosi come mai nessuno parla del viadotto piu alto in assoluto:il viadotto del salinello. Che tipi di onterventi sono stati fatti li.. tutto a norma? Tutto regolare???

Ora oltre al problema delle barriere viene fuori anche la questione dello "slittamento" dei giunti.
Come se non si sapesse che quella è zona calanchiva, dal terreno argilloso.
Quindi, da dove cominciamo?