Salta al contenuto principale
|

Teramo: La vergogna senza fine di una Città abbandonata...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

L'ortografia non è la scrittura degli ortaggi ma ha qualcosa di terreno. Bisogna coltivare, concimare, nutrire, innaffiare per avere un presente e programmare il futuro. La politica teramana è  piena di strafalcioni ortografici,  di interpunzioni sbagliate, di singolari che si credono plurali, di plurali che si trovano al singolare, di ausiliari senza essere ma con l'avere come unico verbo. La Politica è sacrificio e dignità. Ascolto prima di se stessi per poter comprendere gli altri e i loro bisogni. Teramo è morente, latente, silente, sofferente nel proprio ente locale. Non c'è maggioranza, non c'è programmazione culturale e sociale, non c'è il senso della ricostruzione e la forza imprenditoriale.
Esiste una maggioranza e un'opposizione? A Teramo, no. Quando la maggioranza relativa si trova a dovere tradurre il grido di aiuto di gran parte della cittadinanza e chiedere le dimissioni del proprio Primo Cittadino; quando l'opposizione gioca a cavallo di un cavillo di mozione; quando tutti fanno finta di niente; il cittadino teramano si allontana dall'interesse pubblico e si acciambella intorno al proprio senso privato. Ciò che non comprende il Sindaco di Teramo è il danno etico e morale. Non parliamo di buche, di asfalti, di  futuro, di sociale, di urbanistica, di lavori in corso, di mancate promesse ma di familismo amorale. Educazione Civica. Come spiegare il senso pedagogico che parte da Platone e tocca Confucio? Come invocare un attimo di lucidità e tornare al rispetto delle leggi democratiche. A Teramo non si può e non si deve perchè il fondo è da scavare con tante mani. Questa è la nostra democrazia. Confondere di responsabilità. Maggioranza e Opposizione. La vergogna senza fine di una città abbandonata. 

Commenta

Commenti

Falconi: discorsi troppo profondi i suoi per un personaggio come Brucchi.

l'amministrazione sarà un disastro, ma i teramani non scherzano....

Il livello della politica abruzzese rispecchia quello dei suoi abitanti.
Del resto si chiama democrazia.

Falconi, sul volare alto ho perso le speranze e tanto in "alto" queste cose nemmeno le capiscono.
Forse discorsi più terra terra arrivano.
Non foss'altro per il clientelismo elettorale.
Pertanto un piccolo sfogo che magari qualche regalerà qualche voto in meno a molti opportunisti che siedono in consiglio.

Mi vergogno dello Stato e del Comune di Teramo:
Frazione Cannelli, 1,8 km da Villa Mosca, 600 metri di viabilità, dal bivio del carcere all'abitato, che mi vergogno di definire strada.
sono due anni che è stato riparato un tratto in frana e dell'asfalto nemmeno l'ombra.
Da alcuni mesi c'è un restringimento di carreggiata (a malapena passa un'auto) e non si hanno notizie.
Per il resto divertimento assicurato sulle montagne russe.
Tornate a chiedere i voti.....

Contati Sindaco...Oltre Futuro In in Assise chi vuole chiamarsi fuori??? Nessun altro o no?
Rientrando i tre dissidenti riusciresti nella compattezza di un mini programma indispensabile e doveroso x la Città?
E ciò che farei perché da cittadino anche se oriundo, vorrei conoscere la verità Grazie!

Giancarlo,
ti sbagli e devo smentirti purtroppo,il Sindaco Brucchi,al quale va certo riconosciuto il merito di metterci la faccia,da giorni e giorni ripeté continuamente nelle interviste varie fra giornali ed emittenti televisive,che il lavoro svolto da lui e dalla sua giunta o meglio giunte alternatesi,e' stato un buon lavoro ,contrariamente a quello che in giro viene detto.Ritengo pertanto che tu dovresti prenderne nota.Grazie.