Salta al contenuto principale
|

La Teramo Ambiente non pulisce le bocchette. Nasce il terzo fiume di Teramo.

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Siamo commossi.
Grazie alla Teramo Ambiente è nato il terzo fiume di Teramo che ha seguito il letto di Corso San Giorgio per sfociare in piazza Martiri.
L'acqua alta come Venezia e maglietta di ordinanza a strisce. 
Un nuovo guado sorgerà nel nome e per conto di una società partecipata che ha dimenticato di pulire le bocchette di viale Bovio.
I commercianti?
Allagati dagli alligatori comunali. 
Un effetto scorrimento che è stato magnanimo nel momento che il temporale estivo si è ricordato della stagione.
La pavimentazione di corso San Giorgio?
A pioggia finita è rimasta sporca.
La coerenza è coerenza.

{"preview_thumbnail":"/sites/default/files/styles/video_embed_wysiwyg_preview/public/video_thumbnails/coaCGiOMMio.jpg?itok=XxSyrgst","video_url":"https://www.youtube.com/watch?v=coaCGiOMMio","settings":{"responsive":1,"width":"854","height":"480","autoplay":0},"settings_summary":["Embedded Video (Responsive)."]}

Commenta

Commenti

Teramnia!:-)

Teramo : sempre più una città di merda...che scorre...

Quando c'erano gli "spazzini" le "bocchette" venivano pulite e disinfettate continuamente. Ah... dimenticavo oggi "li munnezzire" non ci sono più.