Salta al contenuto principale

Insulti sui Social. Diecimila euro di risarcimento per un commento....

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Ecco uno dei tanti motivi per cui molti commenti su I Due Punti vengono censurati; per cui molte persone sui social di riferimento vengono bannate; querele, stile ed educazione.
Un giorno se verrò condannato sarà solo per una lotta intensa a un sistema evidentemente sbagliato di mala gesto o malasanità.
Queste sono le uniche battaglie sociali che autorizzano una forzatura normativa mediatica senza offesa, privi di vero dileggio personale.
Chi ha intenzione di far riferimento a qualcuno, ad accusare qualcuno senza prove documentali può sfogarsi sulla sua bacheca o andare a commentare su altri siti di riferimento o ancora, fare post vigliacchi senza alcun nome perchè basta essere facilmente identificabili che scatta allo stesso modo la denuncia.
Sentenze?
Tribunale di Pescara.
Giudice Gianluca Falco.

La condanna per una frase ingiuriosa espressa verso una dirigente del comune di Pescara è costata all'internauta oltre diecimila euro, più le spese legali  e la giusta brutta figura.
Per quanto ci riguarda, gli odiatori, avranno vita breve e tasche molto più leggere.
A presto con alcune verità nascoste e falsi profili.

...e non finisce qui...

Commenta

Commenti

certo diffamare non è giusto ma criticare sì, la paura è che di questo passo si arriverà presto alla censura quella vera, non quella che giustamente fai tu. Già i nostri politici hanno un delirio di onnipotenza ai massimi livelli, se metteranno il bavaglio alla poca stampa indipendente...

Interessante..qual è il post incriminato? Se si può sapere ovvio...

E' stato condannato un internauta? Bene, ognuno si assume le proprie responsabilità ben sapendo che può essere intercettato. Non per questo, ma è la mia opinione, deve essere censurato.

Era ora!!!
Basta con i Leoni da Tastiera che insultano e sputano sentenze, nascosti dietro il computer.
Adesso come faranno a cancellare i loro vecchi post?
Tocca a voi pagarla cara!!!!
Preparate il portafoglio!