Salta al contenuto principale

Chi dovrebbe controllare i portici teramani?

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Una piccola premessa.
Abbiamo bisogno di nuovi agenti di polizia locale.
Abbiamo bisogno di maggiore sicurezza e controllo del territorio.
Abbiamo necessità che il decoro urbano sia una priorità alla pari dell'urbanistica e delle norme sismiche  per l'edilizia scolastica, pubblica e privata.
Chi dovrebbe valutare se gli spazi coperti dei portici teramani non siano superiori alla metà dello spazio intero?
Che il progetto sia identico al realizzato?
Vetri, coperture, altezze, tende, 1 metro e 80, 2 e 60.
I marciapiedi pubblici perchè possono essere usati come appendice dell'attività commerciale?
Quale attività di prevenzione e valutazione è stata fatta dagli uffici comunali?
A noi, sembra di no. 

 

Commenta

Commenti

Chi dovrebbe valutare se i marciapiedi pubblici possono essere usati per parcheggiare le auto?
Chi dovrebbe valutare se la corsia pedonale a fianco dell’Anfiteatro possa essere sempre occupata da auto in divieto?
Chi dovrebbe valutare se è cosa giusta recapitare sollecitamente bollettini Tasi quando il servizio pubblico di manutenzione e del famigerato Piano Asfalti viene disatteso.
Mi fermo qui Falconi per non rubarle ulteriore spazio e per non infierire sul nostro Sindaco che, in linea con i suoi predecessori, si distingue per incapacità agli occhi di chi pure lo ha votato.

A Teramo i bar fanno come cazzo gli pare, poi il sindaco scopre l'acqua calda dicendo che è aumentato il consumo di alcolici.