Salta al contenuto principale
|

La Massoneria ha ucciso Banca Tercas? Parla Antonio Di Matteo in una intervista di Alfredo Giovannozzi. Una denuncia che partirà da Teramo e ....

di Giancarlo Falconi
1 minuto

L'appuntamento è per Venerdì 14 Settembre alle ore 21 sul canale 79 di Vera Tv.
Antonio DI Matteo, ex Direttore Generale di Banca Tercas, racconterà la sua verità sul Commissariamento della Banca, su di una prossima denuncia che partirà dalla Procura di Teramo e sull' ombra della Massoneria.
Le domande di Alfredo Giovannozzi e la lettura tra le smorfie, i silenzi, le battute, la storia di una vicenda che ha fatto male a tutta la Regione Abruzzo e al tessuto economico nazionale.
https://www.youtube.com/watch?v=iZu-x_aAm5g&feature=youtu.be
 

Commenta

Commenti

Ma voi ancora credete che Di Matteo, addirittura da solo e all'oscuro del consiglio di amministrazione, dirigenti e dei dipendenti abbia fatto implodere la Tercas?

E gli asini volano....

Ma no!!!!!!Veramente!!!!!! Vai a pensare.....noi credevamo che fossero stati i teramani che erano rimasti abbagliati dall'altra banca😂😂😂

Che ci sia stato un qualcosa di ben orchestrato per "rubare" la banca Tercas a Teramo lo sanno anche le pietre, che poi sia andata come dirà Di Matteo, è tutto da provare.

ma facciamola finita è imploso in poco tempo l intero sistema bancario locale vedi anche lo sfacelo di banca di teramo. continuamo a crede a politici che ci buttano fumo negli occhi

Buongiorno.
Approfitto di questo spazio per correggere il futuro del verbo dire utilizzato nel commento a firma del "Generale".
Lei scrive "dira'", ma io non dirò: hanno già detto per me testi, legali e consulenti nelle Aule dei Tribunali.
Chi, in buona fede, volesse informarsi e formarsi una opinione autonoma e libera da condizionamenti di qualsiasi tipo, dovrebbe leggere quegli atti.
Per il resto occorre riconfermare la fiducia nella Giustizia e il rispetto per le Sentenze definitive.
Gli esposti di cui si parla nell'intervista attengono alla gestione successiva alla mia uscita.
La saluto con la stima che merita.