Salta al contenuto principale
|

La Dignità si dimette da Teramo...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

La notizia è di quelle che faranno rumore.
Da oggi, nessun politico in consiglio comunale, nessun amministratore, nessun capobastone, ( nessun riferimento a capuvastuni della 'Ndrangheta ma solo inteso come capocordata politica. Così i più suscettibili non si offendono) nessun consigliere, nessuna maggioranza consiliare ( sindaco Brucchi si dice consiliatura e non legislatura, quando sarà deputato...) potrà usare , utilizzare, sentire proprio, il termine dignità.
Teramo affoga nelle buche, nell'erba alta, nella mancanza di fondi per la cultura, nei lavori fuori corso, nella mancata chiusura della discarica La Torre, nell'incapacità di intercettare i fondi europei, nella inettitudine di attrarre lavoro, nell'impossibilità di programmare una nuova visione urbanistica e disegnare il senso propriocettivo della forma di una Città Capoluogo.

Solo poltrone e incarichi.
Ora Te.Am e Ruzzo.

Le figure di figurine che si aprono una pagina facebook come personaggio pubblico.
Masturbazione del proprio Sè inferiore. 
Piccoli delfini crescono ad immagine e somiglianza dei padri.

Il sindaco Brucchi non è stato dignitoso e cadrà sotto i colpi della sua ex maggioranza.
L'opposizione non è in grado a Teramo di trovare una sintesi politica e civica.
Peccato.

Maurizio Brucchi è un abusivo.
Dovrebbe essere sgomberato dal Palazzo di Città.

Un abusivo di Primo Cittadino perchè siede senza avere la maggioranza elettiva.
La peggiore Giunta di ogni tempo ci rappresenta senza avere la maggioranza in consiglio comunale.
In nessun Paese al mondo sarebbe possibile.
L'Italia e Teramo rappresentano l'eccezione dell'anti democrazia elettiva.

Che fare?
Nulla.

Il tempo è l'ultimo dei galantuomini.
Aspetteremo la fine ingloriosa e senz'anima.
La dignità non ha anagrammi.
Maurizio Brucchi?
Brucai chi ozi rum....
L'ultimo aperistreet.
Noi siamo al fondo della bottiglia...salute.

Commenta

Commenti

ma non e' il popolo che fa legge ? ma se il popolo e' ancora arretrato, e vota con la pancia, come si puo' biasimare un abusivo, se il popolo continua a votarlo ( 2 volte sembra) non si riuscira' mai a venirne fuori, l'aquila ne e' un esempio, berlusconi ha' fatto le case per i terremotati con il polistirolo, e loro che fanno ? rieleggono ancora i suoi rappresentanti, che dire allora se ,il popolo si distugge da solo, ? un saluto da roberto PS ( qui' a sant'egidio alla vibrata , non e' che va meglio, nessuno se interroghi, ha' votato questo sindaco di destra, forse e' stato lo spirito santo)

Che entri in azione la Team e lo porti finalmente in discarica. Categoria INDIFFERENZITA!

Ma come sta bene con il cappello!!!!

con quel cappello è perfetto...gli manca solo la zappa.