Salta al contenuto principale
|

Per non dimenticare: In Memoria di Federico Carlini...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Tre anni fa,
La scomparsa di Federico Carlini.
Tre anni fa.
Scrivevamo " Amava i videogiochi, il diritto e la lettura.
Amava il suo lavoro, la legge, la giustizia sociale.
Amava sua madre.
Federico era la mia mattina presto.
Io rientravo alle sette con Nicole, la mia labradorina che adorava e lui armato della sua eleganza, gentilezza e con due cuffie, andava a lavoro.
Un giro lungo fatto di pensieri.
Forse c'era anche suo padre e il desiderio di cambiare molto della sua vita.
Una casa nuova e tanti altri colori.
Anni come vicini.
Anni fatti di sorrisi e di affetti.
Oggi Federico non c'è più e la mia stanchezza nel leggere tante pochezze dell'esistenza, si fa sempre più pesante".


Federico era ben altro e nello studio aveva trovato quell'equilibrio che sapeva di cura  Malatestiana.
Una biblioteca Universitaria che porterò il suo nome e quell'aria con l'ombra china a trascrivere note, postille, appunti, vergature, ampolle di pensieri, origami di leggi e vecchi emendamenti.
Menti che hanno cuore.
In memoria di Federico la cerimonia di intitolazione della sala lettura sarà celebrata Giovedì 14 Giugno alle ore 10 con il saluto del Magnifico Rettore, Luciano D'Amico, l'omaggio del preside della facoltà di Giurisprudenza, Paolo Marchetti e la traccia di un ricordo da parte di Roberto Carleo, ordinario di diritto privato.
Federico?
Ci sarà, accanto sua madre.


 

Commenta