Salta al contenuto principale
|

TUA: Studenti a piedi in tutta la provincia di Teramo...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Semplice.
Dopo il comunicato del consigliere comunale di Teramo del movimento Cinque Stelle, Ivan Verzilli,
Se in montagna gli studenti fanno enormi sacrifici per viaggiare da e verso le scuole, l’abbraccio autunnale di bentornati alle campanelle per i ragazzi Isolani è già freddo! Infatti questa mattina, la ressa a visto salire a borda solo i più fortunati. L'autista TUA ha dovuto BLOCCARE la salita a bordo degli studenti che avrebbero dovuto recarsi a Teramo per il primo giorno di scuola. E non sono mancati i disagi che hanno interessato numerose famiglie. Gli studenti hanno dovuto chiamare i propri familiari e farsi accompagnare nei luoghi di destinazione. «I nostri figli della montagna hanno il diritto di avere un pullman che parta il giorno in cui inizia la scuola e non è possibile attendere per attivare il servizio. E non solo: la Tua ci lascia a piedi senza preoccupazioni, senza mandarci un altro pullman. Noi ogni anno paghiamo l'abbonamento di euro 363,00. Non è più possibile» Auspichiamo vivamente che Tua si attivi immediatamente e che già domani i ragazzi Isolani possano recarsi serenamente a scuola", tante segnalazioni sono  arrivate da San Nicolò, Tortoreto, Alba Adriatica e Roseto.
Motivo?

Per Tua la scuola inizierà Lunedì 16 Settembre.
Chi dovrebbe essere bocciato in Regione?

Commenta

Commenti

Di che ci stupiamo... siamo in Italia dove inizia la scuola e non ci sono servizi! Le mense scolastiche, il tempo pieno, il pro e post scuola.... tutto a ottobre... che pena!

Ahahahahaha pessimi!!!

Il problema principale è che i ragazzi che abitano nel territorio Isola, Castelli e Colledara sono costretti, nonostante paghino l'abbonamento, a viaggiare in piedi. Quando viaggiavo io, facemmo bloccare il pulman dalle forze dell'ordine all'ingresso della A24 a Colledara. Sono passati diversi anni ma la storia si ripete annualmente.

"la ressa a visto salire a borda solo i più fortunati....."
Aprofittatene e prendete anche voi l'autobus per ritornare a scuola

Noi scendiamo dalle colline Teramane e dopo aver pagato una bella somma per il biglietto annuale ,il servizio e'pietoso !!!
Non solo all inizio della anno scolastico ma per tutto l anno ,con coincidenze non rispettate e pullman vecchissimi che quando riescono a partire ti senti fortunato, e i ragazzi rimangono a piedi...

Anche chi è sceso da Cermignano, Castiglione, Penna s.andrea, è rimasto a piedi. Noi paghiamo 460 euro l'anno.quando, durante l'inverno, i vecchissimi pullman che ci riservano riescono a partire, ti senti già fortunato.... Tua? Bocciata già dal primo giorno.

La scuola dei miei figli è iniziata il 6settembre .Da quel giorno ci vuole qualcuno che l' accompagni e qualcuno che li vada a prendere.Grazie TUA per il servizio che non date.

Il problema è un’altro mo che il 16 chi glie li da i pullman alla tua per il servizio visto che il parco macchine è ridotto all’osso voglio proprio farmi due risate....studenti fate una giusta rivolta TUA azienda che pensa solo alle poltrone e se ne frega dei servizi e tutto il resto è noia come diceva califano poveri noi

Secondo il calendario scolastico della regione Abruzzo le scuole dovevano riaprire il giorno 16, ma ogni singola scuola ha deciso di riaprire in una data diversa l'una dall'altra e complessivamente anticipando la data del 16, di fatto la TUA non poteva sopperire a questa esigenza in quanto fino alla data ufficiale della riapertura sono in vigore i turni NON scolastici che certamente non sono sufficienti alle esigenze scolastiche, oltretutto ci sono ancora personale in ferie programmate. Nonostante tutto dopo la prima giornata con disagi a fatica si è cercato di rimediare al meglio e nn si stanno più verificando disagi. Se le scuole avessero rispettato il calendario scolastico non si sarebbe verificato alcun disagio.

Il servizio offerto dalla TUA è semplicemente vergognoso!!!!!!!
I ragazzi sono costretti a viaggiare in piedi, con spazi ridottissimi o meglio inesistenti, per lunghi tragitti.
Tali disservizi però non hanno determinato una riduzione nel costo dell'abbonamento, il quale continua ad essere comunque molto costoso
cosa ci fanno con i soldi che guadagnano? come vengono investiti? e se vengono investiti, considerato i "mezzi" sui quali viaggiano i ns. figli.
Spero che tale situazione sia solo momentanea, anche se non sono molto fiduciosa. Sperò che anche altri genitori si facciano avanti, perché bisogna far capire a chi di dovere che i ns. soldi non sono falsi!!!!!!! e che abbiamo diritto ad avere un servizio dignitoso almeno.
La mia protesta comunque continuerà.