Salta al contenuto principale

Teramo. Paralisi amministrativa. Ufficio anagrafe in tilt e accertamenti Imu...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

L'ufficio anagrafe del comune di Teramo sopravvive solo per merito dei pochi impiegati e di un orgoglio lavorativo. Ma non è possibile continuare con appuntamenti mensili anche per dei semplici certificati. La digitalizzazione è un mero miraggio in un ente locale fermo all'età della pietra. Immaginate il caos per le schede elettorali.
Nel frattempo, nel caos amministrativo, arrivano gli accertamenti Imu. 
Ovviamente a filo e pelo 2015.  File interminabili per dimostrare con tanto di ricevuta l'effettivo versamento. La legge prevede, ovviamente, la conservazione della prova del pagamento per cinque anni ( fino al 31 dicembre del quinto anno successivo al versamento).
Chi ha smarrito la certificazione?
Paga due volte e il gioco è fatto...grazie. 
Lockdown. 
 

Commenta

Commenti

Non venite a dirmi che all'anagrafe si stanno ammazzando di lavoro. Non so adesso, ma per tutti i mesi passati erano aperti solo due ore al giorno, solo per appuntamento, solo per certificati di nascita e di morte. Carte di identità? "Tornate a settembre", o alla fine di settembre, non ricordo. Ma tanto, fa lo stesso...