Salta al contenuto principale
|

I Barbari: Ucciso e decapitato un capriolo in zona Parco della Majella...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

A un passo dal Parco della Majella.
I Carabinieri Forestali della stazione di Sulmona.
Davanti una scena che ricorda  le esecuzioni mafiose.
Un gesto esemplare.
Un messaggio a tutti gli animali selvatici della meravigliosa regione verde d'Abruzzo.
Qui, sarete uccisi.
Non fate i danni all'agricoltura, ai nostri animali, alla nostra quotidianità.
Altre ipotesi?
La barbaria gratuita come al cane Angelo?
Prendere un capriolo di soli due anni.
Uccidetelo a fucilate, con il lazzo, con una gabbia e poi decapitarlo a pietrate?
Chi è stato capace di un simile gesto può tranquillamente uccidere un uomo.
Il dolore ?
C'è chi ancora pensa di no. 

Commenta

Commenti

Pagano sempre gli innocenti.