Salta al contenuto principale
|

A Teramo in aumento il cancro allo stomaco. A Bussi?

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Rassegna stampa rassegnata all'insegna dei disegni misteriosi.
Teramo?
In aumento il cancro allo stomaco e come ricorda il Messaggero in un articolo di Monica Di Pillo nella pagina di Pescara è sotto la lente di osservazione i casi di inquinamento dell'acqua.
Bussi?
Pur conoscendo i vent'anni di inquinamento con sostanze chimiche tossiche, il responsabile dei registri tumori della regione Abruzzo-Lamberto Manzoni, dichiara che " L'87% dei dipendenti dell'impianto chimico fumava".
Ecco.
Ci possiamo salvare?
La responsabilità dell'incidenze in aumento di tumori in Abruzzo non è data dall'acqua, dall'inquinamento delle falde acquifere, dalle discariche non poste in sicurezze e non chiuse ma dal traffico e dalla sedentarietà.
Quasi 8000 nuovi casi di cancro nel 2016 e nulla sarebbe di diretta responsabilità dell'uomo amministratore ma dell'uomo senza la giusta dieta di vita?
Siamo d'accordo che un buon 40%  dei tumori potrebbe essere evitato rispettando un corretto stile di vita ma per il restante 60%?
Perchè a L'Aquila è aumento il melanoma e a Teramo il cancro allo stomaco?
Perchè in Abruzzo ci sono 5 neoplasie specifiche?
Colon retto, seno, polmone, prostata, vescica.
Ogni giorno 20 nuovi casi.
Chi risponde?

 

Commenta

Commenti

Si è' vero,perché' ci sono?
Non sarebbe anche il caso di parlare e nello specifico,del territorio di Isola del Gran Sasso,dove negli ultimi trenta anni ,ci sarebbe stato un aumento esponenziale delle malattie tumorali di qualsiasi natura ?Non sarebbe il caso di monitorare maggiormente e di farcene conoscere i risultati?
Probabilmente qualche risultato nascosto nel cassetto esiste,non sarebbe il caso di integrarlo e renderlo noto?
Questi comportamenti omertosi,qualora ci fossero,avrebbero potuto evitare tante morti e sicuramente,nel caso invece non ci fossero,potrebbero aiutare la nostra sanità' a salvare in futuro tante vite umane.

risultati ,agli abruzzesi?Probabilnente,certe indagini da anni sono in
corso,ma non se ne conoscono i risultati.
Chiaramente certi risultati e magari negativi,pubblicandoli creerebbero allarmismo fra le popolazioni,ma è anche vero,che tenerli nascosti e soprattutto non prendendo i provvedimenti necessari,costituirebbero un contributo per le morti fin ad oggi verificatesi ed ancora peggio,questa omerta' ,qualora non fosse presente ,forse potrebbe Contribuire a salvare vite umane in futuro.