Salta al contenuto principale
|

Teramo Ambiente: Pelagatti salva Bozzelli. Confermato presidente...

1 minuto

Una questione di Pietro.
C'è chi tira le pietre e chi Pietro.          
Un modo per non dimenticare il nome.
Pietro Pelagatti salva Pietro Bozzelli.
Squadra biblica non si cambia.
L'arca di Noè continua il suo tragitto verso il diluvio universale della gara europea e della costruzione del forno crematorio.
La famosa convenzione.
Salgono un pò tutti sul Titanic mesopotamico da Gabriele Cavacchioli, ( ottimo acquisto)  nuovo membro del collegio sindacale dopo il defenestramento Gattiano Tancrediano al Ruzzo: fino alla scontata conferma di Ivan Di Cesare alla presidenza dell'organo di vigilanza.
Manca ancora la quota Rosa ma in fondo l'ente porto insegna che si può fare e disfare.
Un modo per cambiare senza mutare la ragione d'essere.
La scelta del consigliere comunale Narcisi, scusate del sindaco Brucchi, è stata puntuale e inappuntabile.
Il sindaco ha tutelato per ragioni tricologiche la figura dell'ad Pelagatti ( il cognome è per il sindaco un desiderio inconscio. Pelare Gatti)  e l'ad Pelagatti ha protetto per motivi apostolici Pietro Bozzelli.
Ora controlleremo gli avanzamenti di carriera che hanno portato la Te.Am a diventare un colosso dai piedi di argilla.
I livelli di una macchina amministrativa che avrebbe bisogno di un tagliando dopo aver perso il vero motore.
Ma questa è un'altra storia, su cui vige il segreto istruttorio.

 

...e non finisce qui...
 

Commenta

Commenti

|

caro Falco hai scritto che "la macchina amministrativa ha perso il motore" è vero.
Invece i camioncini di Te.Am. perdono i sacchetti della spazzatura per strada, e col cazzo che si fermano a raccoglierli nonostante lampeggi e strombazzamenti di noi automobilisti che cerchiamo di avvisarli, fanno finta di niente, complimenti al sig. Pelagatti un vero "comandante".

|

Un sindaco capace solo di guardare indietro.

|

In risposta a Tex: Si è vero a volte perdono i sacchetti dei rifiuti dai camincioni,ma non perdono.....il vizio di correre.