Salta al contenuto principale
|

Vota Nicola Morra. L'ultimo sgambetto del centro sinistra...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Sette comizi.
La scenetta più divertente?
Nessuno ha presentato il sen. Alberto Bagnai, Professore associato di politica economica all’Università Gabriele d’Annunzio, eletto al Senato per la Lega nel collegio Abruzzo 01.
Lanciato sul palco piovoso di una piazza Martiri da aperitivo post prandiale è scivolato sul preserale dei teramani.
Bagnai è un quasi vice Ministro o futuro Sottosegretario all'Economia.
"Quando un Paese ha una depressione economica, la più lunga della storia dell'Italia unita, dal 1861, quella della peste del 1348 è stata più breve, la peste ha avuto il vantaggio di distruggere la forza lavoro mantenendo intatto il capitale, qui invece si è distrutto il capitale portando gli investimenti pubblici dal 54 al 33% lasciando intatta la forza lavoro, disoccupandola.Forse era meglio la peste del PD"...

Poi è giunto a Teramo e nel suo discorso di apertura del candidato sindaco, Giandonato Morra, senza che nessuno lo presentasse ( ha rimproverato Gatti, per questo motivo) ha chiesto il voto per Nicola Morra.
La gaffe è risultata simpatica e imbarazzante.
Le scuse di rito di un atto mancante, di un lapsus freudiano.
La responsabilità?
La peste del partito democratico.
Nicola era un suo studente.
Nicola è un teramano.
Nicola è un teramano che ha sostenuto con il prof. Bagnai ben tre esami con una media molto alta.
Nicola ha incontrato l'on. Bagnai pochi attimi prima del suo discorso con inciampo.
Nicola è un uomo forte e nuovo del partito democratico teramano.
Nicola è Nicola Salini, commissario dell'Ater.
Bagnai si è ricordato del suo studente modello?
Si, un pò meno di Giandonato Morra.
Succede, a Teramo. 

Commenta

Commenti

fesserie....