Salta al contenuto principale

Codice Rosso. Denunciate. La Procura e la Sezione Operativa dei Carabinieri di Teramo mi hanno salvato la vita...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Riceviamo e volentieri pubblichiamo...

"Mi hanno chiesto di non scrivere, di non ringraziare, di non gettare altra benzina sul fuoco. Non riesco a non ringraziare chi mi ha ascoltato, chi mi ha protetto, chi mi ha dato una seconda possibilità di vita. Sono stata vittima di persecuzione e violenza da parte del mio ex marito e in un momento di profonda solitudine avevo deciso di farla finita, mi volevo uccidere in poche parole. L'aiuto di una amica, la lettura di un articolo di cronaca e mia figlia, figlia anche di quel mostro, mi hanno convinto a denunciare. Il giudice donna è stata sensibile e decisa. Mi sono sentita compresa e mi ha aiutato immediatamente. I carabinieri della sezione operativa di Teramo, tutti uomini, hanno subito compreso la situazione e nonostante l'aspetto vissuto da chi sa quante storie, hanno avuto una delicatezza e una professionalità inimmaginabili. Dopo tanti mesi ora sono libera di riiniziare senza paura di un vicolo, dello squillo del telefono, di andare a prendere mia figlia all'asilo. Un consiglio alle tante donne che sopportano in silenzio violenze e minacce? Denunciate. Si chiama codice rosso e a Teramo ha degli attori e delle attrici meravigliosi. Grazie di cuore". 

Commenta

Commenti

E questa accorata lettera invece non appartiene forse a "quel qualcosa in più " ma alle "cose che vanno come dovrebbero sempre andare"....perché le leggi ci sono e ci sono anche gli uomini e le donne pronte ad applicarle. Talvolta accade che tutto "fili liscio" come in questo caso ( se si può attribuire questo concetto ad una storia orribile di violenza, seppur finita "bene"). Dovrebbe SEMPRE finire così. Perché nessuno si salva da solo. E la Società serve a compensare questo limite: la solitudine. La mia ammirazione al coraggio di questa donna che ha incontrato l'accoglienza e la disponibilità di chi si è preso cura del suo dolore, secondo Legge, Giustizia e Umanità