Salta al contenuto principale
|

La coerenza: Un plauso al Vice sindaco di Teramo che non c'era da Legnini e D'Alberto...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Una premessa.
Ritengo Maria Cristina Marroni, vice sindaco del comune di Teramo, un valore aggiunto e un'occasione di crescita per l'intera Città.
Poi, c'è la politica.
Non si può accettare il modus operandi di Teramo 3.0 che ha pubblicamente appoggiato la candidatura del senatore Marsilio a presidente della Regione Abruzzo.
Abile il senatore romano abruzzese a ringraziare pubblicamente i favori elettorali di un vice sindaco di centro sinistra.
Che cosa ne pensano gli altri membri della Giunta D'Alberto?
Che cosa ne pensano i consiglieri di maggioranza?
Che cosa ne pensa, per esempio, un candidato come  Sandro Mariani?
https://www.youtube.com/watch?v=wmUk1fvldMo
Hanno un pensiero?
Orgoglio?
Attendiamo, in silenzio, ancora per poco, il pensiero del sindaco D'Alberto che ieri ha invocato un civismo coerente, vero, forte, di squadra, di valori, fedele, coraggioso.
Appunto. 
Teramo 3.0?

 

Commenta

Commenti

Appunto, la coerenza non si misura con un piede qua ed uno là ma con il fatto che Christian Francia ha per anni combattuto contro il modus operanti di certa politica e in nome di quella coerenza si muove, non in nome di una "presunta" coerenza ideologica.
La sinistra in regione con il suo referente sommo hanno fatto quel che hanno fatto e questo non si può dimenticare.
D'alberto è una brava persona ed è stato ritenuto, a costo di non vincere le elezioni, il candidato sindaco a cui dare fiducia.
Giancarlo, d'accordo sugli ideali ma non sull'ideologia.
È questa la rovina del nostro mondo.

Pasquino, a parte che si dice "modus operandi" ma davvero non riesco a capire il suo concetto. In pratica Lei giustifica Te 3.0 in detta circostanza? É proprio vero l'Italia non potrà più salvarsi. D'altronde anche ieri la pseudo-alleanza del centro destra abruzzese (Salvini-Meloni-Berlusconi) pubblicamente smentita dallo stesso Salvini che ha ribadito che in altre situazioni, nisba... Ognuno per proprio conto... E quindi è lecito far pensare agli sprovveduti che se ti appoggio per il Comune, per la Regione torno a destra, per le Europee :mo ci penso, per le politiche chissà... E il bello di tutto ciò: che la "gende ja'crate"...

in nome di quella coerenza si muove appoggiando un candidato (Marsilio) voluto da Berlusconi... Salvini... Meloni...
Ma va va

Christian Francia. Diceva peste e corna di Manola e poi ci si è alleato. Diceva pure di volersi candidare alle primarie del PD, e poi appoggia il romano.
Il modus operanDi di Christian Francia...
peppiacir, na vodd chiss si chiamav banderuole

aspettiamo i prossimi sviluppi.

Scusate non è la stessa coerenza che hanno avuto eletti nel centro dx poi passati nel vs con ruoli apicali? Popolo sveglia!!!! I politici pensano solo al loro tornaconto ed al loro fondoschiena. Giocano con i nostri voti come al gioco dei cantoni. Cercano sempre la poltrona da occupare, di noi, dei nostri problemi ( il più delle volte creati da loro stessi) non gliene importa nulla. Si vantano pure di aver speso i soldi delle nostre tasse per noi, assurdo. Prendono stipendi da favola, occupano incarichi importanti a vita, passano da un ente all'altro senza la minima competenza e noi popolo bue pronti a riverirli ed omaggiarli come Dei. Apriamo gli occhi.

Ma di cosa parliamo dai.
La politica è una barzelletta, Salvini al governo con i
5 stelle e in Abruzzo con la Meloni e Berlusconi, Di Dalmazio che si candida a Sindaco contro il centro sinistra e poi alla regione va insieme, Tancredi che va di qua e di la insieme a D'Ignazio, il sindaco di Notaresco che viene eletto presidente della Provincia con i voti di molti sindaci del Pd.
Facciamo ridere dai.
La coerenza (costanza logica o affettiva nel pensiero e nelle azioni) è una parola sconosciuta in politica.
Ognuno fa i cazzi propri.
Nel frattempo la ricostruzione è ferma al palo ed i cittadini, con le tasse, pagano il contributo di autonoma sistemazione (la procura che fa?), le scuole cadono a pezzi, le strade sono un colabrodo, la spazzatura è sempre più cara ed il servizio sempre più scarso ecc ecc.
Che tristezza!

La parola politica,ha un grande e nobile significato,purtroppo in Italia,con questa classe politica e con alcune rarissime eccezioni ,siamo riusciti a modificarne,anzi direi ,distruggerne il significato.
Non aggiungerei altro.

La civica non ha legami politici...... non dovrebbe averli neanche il sindaco D'Alberto visto che lui non si è presentato con un partito.
Le civiche appoggiano i programmi e non i partiti.
Teramo 3.0 a mio avviso fa bene a difendere il suo civismo.

per quale motivo dovrebbe appoggiare una giunta uscente che ha fatto ridere tutto l'abruzzo e non solo????

@Ric

Come dimenticare che Di Dalmazio, seduto da 10 anni nel cdx e ancora in carica con l'opposizione, è stato già prenotato da Legnini?
Dai....fate i buoni che santi non lo siete !
Mariani e Marcozzi che non hanno il coraggio di candidarsi con il PD ?

VOGLIAMO AGGIUNGERE CHE NON VI È TRACCIA DEI DIRIGENTI DEL CSX NAZIONALE CHE NON SI POSSONO FAR VEDERE IN GIRO?

Veramente è il.pd che si è accodato a Francia dopo che aveva riesumato d'alberto transfugo dal pd suddetto. Memoria molto corta

Francia : la coerenza, dai tempi di Chiodi.

C'è un signore che nel 2004 fu chiamato a candidarsi a Sindaco, proveniente dalla società civile, per il centrosinistra. All'ultimo momento fu preferito un altro personaggio... Vinse il centrodestra con Chiodi. Dopo l'elezione, il sindaco Chiodi gli offrì un assessorato ritenendolo persona qualificante per la sua giunta.
È lui che fece? Rinuncio' per coerenza, seppure interessato, per la libertà di
guardare in faccia tutti coloro che lo volevano opposto a Chiodi. Eppure lui non aveva vincoli di partito, anzi...
Dove sta la questione.la coerenza si paga ed è una questione identitaria, permanere nel tempo quello che si è è si promette,anzitutto a se stessi.

Che squallore,ho ascoltato ,visto ed assistito nelle emittenti locali e nazionali il confronto fra i quattro pretendenti alla poltrona di Presidente della Regione
Abruzzo,e' stato il Festival dell'Ingiuria dell'uno contro l'altro.L'unico del
quale e per altro non nutro simpatie politiche,e che è riuscito a non ingiuriare gli altri tre candidati,e' stato il rappresentante di casapound ,di cui non ricordo il nome.Devo però' aggiungere che anche il Dott.Legnini,che stimo
parecchio,non è' riuscito a sottrarsi e quindi evitare alcuni scambi di
ingiurie,alle quali è stato costretto a rispondere,essendo stato tirato per i capelli,anche se non ne ha moltissimi.
E quindi ......io dovrei andare ad esprimere il mio voto domenica prossima?
Giammai.