Salta al contenuto principale
|

Respinto il ricorso della Teramo Ambiente. In bilico la gestione di Termoli...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

La Teramo Ambiente rischia di perdere l'appalto di gestione dei rifiuti a Termoli.
Tutto scritto in anticipo.
Scrivevamo " Una commessa per oltre quattro milioni di euro.
Fino al 2024.
Termoli e la Teramo Ambiente un rapporto che tra la gara, vinta nel 2008 per sette anni di gestione e le cinque proroghe, si prolunga da ben 9 anni.
Ricorsi a parte, commissione dall'altra parte, le buste delle offerte dovrebbero essere aperte nelle prossime settimane.
Si esclude un'altra proroga, visto il parere negativo dell'Anac di Raffaele Cantone che aveva "bacchettato in precedenza l'Amministrazione Sbrocca.

Una base d'asta di oltre 4 milioni di euro che vede in competizione tre ditte abruzzesi.
La Teramo Ambiente che si trascina dietro molte critiche, la Teknenko che ha un'esperienza di gestione rifiuti nel Basso Biferno (  Portocannone e Ururi,Guglionesi, Larino, Montecilfone, Montenero di Bisaccia, Campomarino, San Giacomo degli Schiavoni, Petacciato) e una terza azienda del settore sempre abruzzese".


Ottobre 2017.
A pochi giorni dall'apertura delle buste,
la Teramo Ambiente si è vista respingere un fondamentale ricorso dal Tar Molise.
La Teramo Ambiente mirava in poche parole a concorrere in perfetta solitudine. ( foto termolionline)
Chiedendo al Tar Molise di non ritenere idonei i profili contenenti le offerte tecniche, di ammissione della società Tekneko s.r.l. e dell’A.T.I. Rieco s.p.a. – Smaltimenti Sud s.r.l. alla procedura di affidamento dei servizi di igiene urbana della Città di Termoli per presunta insufficienza del requisito di capacità tecnica ritenuto non conforme alle previsioni del bando di gara.
Tutto inutile come i soldi pubblici spesi per lo stesso ricorso.
Ma questa è un'altra storia...
 

Commenta