Salta al contenuto principale
|

Il mistero al tempo di D'Alberto. Chi paga il conto del Collegio Arbitrale contro il Ruzzo? La Maggioranza? I teramani?

di Giancarlo Falconi
1 minuto

La domanda è semplice.

Leggiamo il capogruppo di Forza Italia al Comune di Teramo, Mario Cozzi...
"Comprendo l’imbarazzo del Sindaco ma pretendiamo una risposta e la domanda, facile facile, e’ la seguente: Chi paga?
Non vogliamo sapere come mai tra oltre 35 Sindaci soci, quello di Teramo sia stato l’unico a fare ricorso contro l’elezione a larghissima maggioranza del cda del Ruzzo.
Non vogliamo neanche sapere i motivi che lo inducono a votare contro, in beata solitudine, tutti gli atti di programmazione del Ruzzo votati dagli altri Sindaci.
Vogliamo solo sapere gli effetti della condanna del Comune a pagare 15.000 ad Alessia Cognitti, Alfredo Grotta e Antonio Forlini, oltre che per le spese di funzionamento del Collegio arbitrale.
Chi paga?
Paga pantalone ossia il Comune e cioè i cittadini, o pagano D’Alberto e la sua maggioranza?
Condivido il pensiero del collega Corona: bene farebbero a dividere la spesa con 500 euro a testa senza far pagare il conto ai cittadini.
Ciò potrebbe indurre il Sindaco a fare una riflessione: continuerebbe il contenzioso contro la Ruzzo se poi il conto, in caso di sconfitta definitiva, dovesse essere pagato da lui e dalla sua maggioranza di tasca propria?
E’ facile fare i capricci con i soldi dei cittadini, forse lo sarebbe meno con i propri.
In ogni caso, Sindaco, eviti giri di parole e abbia il coraggio delle sue azioni: dica a tutti, a tutti i cittadini, in trasparenza, chi paga i 15.000 euro conseguenti alla condanna".

Commenta

Commenti

Dott. Falconi e le molteplici cause perse dal ruzzo chi le ha pagate??!?!!?

Finitela, Finiamola.
Situazione ben più complessa ed articolata
Dove andiamo?
Possiamo passare al “senza meta”