Salta al contenuto principale

Arriva il Presidente Mattarella e Teramo asfaltò....

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Guardate il nostro servizio.
Avete bisogno di un asfalto?
Invitate il presidente Mattarella per un tea o per un caffè.
Arriverà subito l'ass. Di Bonaventura...https://www.youtube.com/watch?v=ebzshqzq7N8

Commenta

Commenti

io quasi quasi farei venire anche il papa

Fatelo passare anche sulla scorciatoia che da Villa Pavone sale verso quartiere San Benedetto, all'altezza del pastificio, per intenderci.

E luce fu......

Fatelo venire pure a Castellalto il Presidente..... le strade sono diventate ormai impraticabili!!!

Ricorda le visite dei vertici militari alle caserme quando c'era il servizio di leva obbligatorio, sospeso proprio dall'illustrissimo e stimatissimo ospite che, nell'occasione, venivano tirate a lucido. Se, però, il Presidente Mattarella dovesse visitare il centro storico s'abbia l'accortezza di "impacchettare" il "rudere" di Via Muzi alla maniera di Christo Yavachev, di modo che sembri un'opera d'arte. Sia detto a titolo di
cronaca, l'originale artista statunitense di origine bulgara, dopo aver "impacchettato" - tra gli altri - il monumento equestre di Vittorio
Emanuele II in Piazza del Duomo a Milano con tessuto polipropilenico e
il Palazzo del Reichstag a Berlino con tessuto argenteo, il prossimo mese di aprile "impacchetterà" l'Arco di Trionfo a Parigi. Si faccia, infine, in
modo che, almeno durante l'auspicata visita, il Teatro romano non sia assediato dalle auto che - sistematicamente - occupano in Via Paris il passaggio pedonale. Forse è una raccomandazione pleonastica, ma non si sa mai...

Che tristezza, per fare lavori che dovrebbero essere la routine per un Comune , per garantire la sicurezza ( visto le enormi buche , lo sfacelo della fibra etc etc) adesso asfaltano ( a chiazze ) le strade dove passera il Presidente della Repubblica.ù
P.s. Fategli fare un giro per Teramo e frazioni sperando che poi si asflatera'

Servizio eccellente e veritiero ma" credo che era nel programma del nuovo Sindaco" avere a Teramo tutto bello vero? Il Papa atterrò al campo squola e passo in città, il Presidente lo fanno passare per le viarelle....

C'è poco da commentare, questo è il nostro paese e se è così è solo colpa nostra. Buona giornata a tutti gli Italiani, svegliamoci

La memoria da criceto del teramano. Dopo anni di Brucchi e del nonasfalto, dopo che si sta faticosamente recuperando il tempo perso tutti a lagnarsi. Ci vorranno anni per recuperare una soglia di decenza dopo 3 consiliature inconcludenti (Chiodi che ci mollò, Brucchi 1 e Brucchi 2).

Avrei piacere se il Presidente visitasse un ridente ma disastrato paesino posto su un eremo di un colle:Poggio Cono 👍

E noi che paghiamo i bolli per queste ca××0 di strade

Per rispondere a chi critica la memoria corta dei teramani è indubbio che quest'Amministrazione Comunale - a differenza delle precedenti - si sta lodevolmente impegnando per rifare gli asfalti di strade dissestate, ma gli scavi effettuati per la posa della fibra ottica o di altri sottoservizi hanno provocato nuove trappole sugli asfalti - vecchi o nuovi che siano - rendendo difficile la viabilità per automobilisti, motociclisti, ciclisti e pedoni. Occorrerebbe, pertanto, un maggior controllo sui ripristini. E' ovvio, poi, che, considerata la vastità e complessità delle problematiche connesse allo stato di degrado delle strade comunali, la indiscutibile attivazione dell'Amministrazione Comunale al riguardo lascia insoddisfatti parecchi cittadini come, ad esempio, quelli delle frazioni. Bisogna, tuttavia, rilevare che l'Assessore Valdo Di Bonaventura (peraltro carico di deleghe - da cui adesso è stato, com'è noto, alleggerito - e costretto ad operare in condizioni di lavoro non esattamente ottimali) - che ho conosciuto di recente e al quale ho manifestato la necessità di alcuni interventi nel quartiere in cui abito - si dimostra persona affabile e
disponibile all'ascolto. Si consiglia, pertanto, a questi cittadini - se non l'abbiano già fatto - di avere colloqui con lui. E' chiaro, infine, che il rilievo sugli scrupolosi lavori di preparazione della visita presidenziale era solo una battuta.