Salta al contenuto principale
|

L'Anas aspetta il morto nella buia rotonda teramana

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Era il 27 Ottobre del 2017.
Scrivevamo.

 

Un salto nel vuoto.
Buio.
Senza vedere i nostri figli, i nostri anziani, chi usufruisce dei mezzi pubblici nella famosa rotonda che conduce a Piano della Lenta, Ascoli, Campli, Scapriano, uno spaccato viario importante del nostro comune e di due province è sommersa dall'assenza di luce e sicurezza.

Non è stato prevista nell'opera dell'Anas la protezione dei pedoni.

  • Le abitazioni?
  • Che cosa faceva la Polizia Municipale nel frattempo?
  • Gli uffici del comune di Teramo?
  • Chi doveva controllare l'opera?
  • Che cosa ne pensa la Polizia Stradale?
  • Esiste una coscienza Amministrativa?
  • Quando accenderete la luce?

L'Anas non esiste. Nessuna risposta. 
Ci scapperà il morto. Forse sarà un ragazzo di ritorno da scuola. Un anziano che aspetta il nipote. Una madre di ritorno dal lavoro. Noi? Terrorizzati da una società civile inesistente. 

Commenta