Salta al contenuto principale
|

San Benedetto:Teramani al concerto di Malika Ayane senza posto per la politica....

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Il Racconto di Fabio, ragazzo teramano è ben dettagliato.

Concerto di Malika Ayane al Palariviera di San Benedetto del Tronto. Più di un mese fa esce la prevendita dei biglietti del concerto di Malika e io, come altri, ci affrettiamo a comprare i primi posti. Fila A posti 13 e 14, comprati tramite circuito TicketOne Arriviamo in sala e troviamo i nostri posti col cartello RISERVATO, ci sediamo comunque. Poco dopo arriva un addetto alla security e ci “invita” ad alzarci e andare quattro file dietro poiché quei posti, così come tutta la fila frontale, erano stati riservati alle autorità (che con buona probabilità fino all’altro ieri pensavano che Malika Ayane fosse una nuova crema anticellulite o al massimo un resort sul Mar Rosso). In questo clima disteso, dove la security risponde a una signora “deve andare dietro e se non le va bene può anche andarsene” vado a chiedere spiegazioni all’organizzazione, nella fattispecie Best Eventi. Il ragazzo mi risponde che l’errore è di Ticket One -credici- e di andare sopra con lui per risolvere la situazione. Mentre la fronte di costui inizia a riempirsi di scrosci di sudore nervoso, a un certo punto, il genio! La soluzione che si palesa come un deus ex machina: prendere i nostri biglietti e non farsi vedere più, abbandonandoci a un concerto ormai agli inizi. Nell’incredulità ormai a picchi fuori scala, non mi resta che documentare questo schifo di situazione. Imbraccio il telefono e registro quanto sta succedendo. Questa azione, mirata all’organizzazione, sembra non andar giù al sindaco di San Benedetto del Tronto (a me sconosciuto fino a oggi ma persona occupante il mio posto e con cui avevo conferito circa il problema) che invece di cedere il posto a noi onesti paganti, con fare altezzoso si avvicina e recita “hai xxxxxxxxxxxx con questo video”. Ma come? Io ho xxxxxxxxxxxxxxx? Io che ho pagato? Io che so tutte le canzoni a memoria, che ho scelto quel posto che mi spetta di diritto? Ma il buon abito fa sempre il monaco, e allora ecco il sindaco che si prende i complimenti per le olive all’ascolana da Damalikessa. Un trionfo. E l’organizzazione? Dove è finita l’organizzazione? La Best eventi che di Best ha solo la velocità di fuga? Non ci è dato saperlo. Una certezza ce l’ho: per il Palariviera di San Benedetto non siamo tutti figli dello stesso Dio.

AGGIORNAMENTO ORE 12:00 Malika, venuta a conoscenza dei fatti, oltre ad essersi scusata si è offerta di farci presenziare al suo prossimo concerto. Lei, l’unica che non deve chiedere scusa, l’ha fatto. Grande artista e persona ❤️ #malika #malikaayane #sanbenedetto #palariviera #ticketone #dominotour

Commenta

Commenti

dichiariamo guerra al paese e invadiamolo

Ma che vergogna!!! Sindaco un minim9 di rispetto

È una mia continua e personale protesta. Basta con i posti riservati alle autorità che come unico privilegio hanno già il loro lauto stipendio, sopratutto in chiesa dove credo che uno che conta più di loro ha sempre predicato l'uguaglianza tra le persone.

Visto come hanno ridotto l'Italia meritano assolutamente un posto riservato !
In ginocchio nell'ultima fila !!!
Sul pavimento, naturalmente, puntine da disegno...

Dovevi andare dritto dalla Finanza

Sino a ora, due volte all' anno ho sempre aderito alle iniziative umanitarie acquistando biglietti per assistere a spettacoli non sempre di alto livello nei teatri di Ascoli e San Benedetto. Ultimamente pur essendo arrivati in teatro tra i primi sono stato relegato nelle ultime file o nei palchi. Prime file risrvate. Ebbene prox telefonata dirò di vendere i biglietti a chi ha diritto alle prime file.

Sino a ora, due volte all' anno ho sempre aderito alle iniziative umanitarie acquistando biglietti per assistere a spettacoli non sempre di alto livello nei teatri di Ascoli e San Benedetto. Ultimamente pur essendo arrivati in teatro tra i primi sono stato relegato nelle ultime file o nei palchi. Prime file risrvate. Ebbene prox telefonata dirò di vendere i biglietti a chi ha diritto alle prime file.