Salta al contenuto principale
|

Roseto: Morire a diciott'anni investito da un coetaneo...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

La strada continua a mietere dolore e angoscia.
Non si può compiere diciott'anni e morire investiti mentre si attraversa la strada. Amava la musica e tutta la bellezza della sua età, Silvio Sorgentone, 18 anni di Santa Lucia di Roseto.
Un volo di diversi metri, intorno alle 21 e tre quarti, sulla statale 150. Troppo violento l'impatto per il giovane ragazzo contro il parabrezza della veloce alfa GT.  Il dramma nel dramma? Alla guida dell'auto che ha ucciso il giovane, un altro ragazzo di Santa Lucia di Roseto che verrà indagato per omicidio stradale.
L'indagini sono state affidate al pm Davide Rosati e i rilievi alla polizia stradale nella figura del  sostituto commissario Antonio Bernardi.

Alla famiglia e agli amici di Silvio Sorgentone le condoglianze di tutto il mondo de I Due Punti. 

Commenta

Commenti

Mi dispiace tantissimo, per la famiglia in particolar modo. Faccio solo una considerazione generica, che magari nulla ha a che fare con il caso in oggetto. I ragazzi alla guida sono continuamente impegnati in un ossessivo controllo del loro smartphone. Se ne fregano delle varie leggi sull'omicidio stradale. Aggiungo che i ragazzi in strada idem, non lo mollano neanche mentre attraversano la strada, situazione molto a rischio. Sarebbe bene che incrociassero lo sguardo dell'automobilista per capire se sta rallentando e ha intenzione di farli passare. In caso contrario è inutile ostinarsi come fanno e proseguire a testa bassa (si a testa bassa perché stanno guardando il cellulare). Perché anche se hanno diritto di attraversare sarebbe meglio arrivare vivi dall'altra parte. Meglio per loro e per tutti. Se il guidatore è distratto e chi attraversa pure è una bomba ad orologeria. Ragazzi che finiscono sotto il treno perché con le cuffie alte e la visione del loro nuovo scintillante smartphone non hanno visto il treno. Insomma se ne sentono davvero troppe

Che disgrazia..un abbraccio alla famiglia..riposa in pace piccolo...ed un abbraccio anche all 'amico..non è facile..