Salta al contenuto principale

Teramo, Giulianova, Atri e Sant'Omero. Chi ha svenduto la Sanità?

3 minuti

“Il Piano di Riordino della rete ospedaliera 2019/21 in Abruzzo presentato in Commissione dall’Assessore alla Sanità rappresenta un vero e proprio insulto per la provincia di Teramo!”. Non usa giri di parole Sandro Mariani, Capogruppo di “Abruzzo in Comune”, nel commentare l’audizione della Verì di questo pomeriggio nella quale è stato illustrato, a brevi linee, un piano appena abbozzato e consegnato ai Consiglieri Regionali in colpevole ritardo.

“Già è assurdo dover discutere a giugno 2021 un qualcosa che doveva essere programmato nel 2019, ma quello che da teramano mi fa veramente rabbia è vedere come la Giunta Marsilio abbia di fatto depauperato la sanità teramana nel suo complesso, ponendo questa provincia in una forma di “sudditanza operativa” rispetto agli altri presidi di Chieti, Pescara e L’Aquila” spiega Mariani. “Da quanto ci ha presentato l’Assessore Verì emerge come Teramo perde ogni possibilità di ottenere il DEA di II° livello lasciando, con funzioni importanti e di rilievo a livello regionale, solo la cardiologia, depotenziando la neurochirurgia e lasciandola a funzione di spoke di I° livello solo per interventi alla colonna vertebrale”.

“Non va meglio a Giulianova che esce fortemente indebolita, diventando in pratica quasi un ospedale periferico, il tutto alla faccia delle promesse fatte a più riprese dagli esponenti del Carroccio e ribadite dallo stesso Salvini che aveva promesso che il Maria S.S. dello Splendore sarebbe diventato DEA di I° livello” incalza il Capogruppo di “Abruzzo in Comune”. “In pratica, alla faccia di quanto annunciato dall’Assessore Verì lo scorso marzo, quando visitando il nosocomio giuliese assieme al sindaco Jwan Costantini e ai Consiglieri Regionali Tony Di Gianvittorio e Simona Cardinali spiegò che il problema non era la classificazione, ma le specialistiche sul territorio, oggi scopriamo che per Giulianova ci sono solo tre U.O.C., ovvero Chirurgia, Medicina e Lungodegenza, una scelta che ne castra ogni successiva ambizione di crescita e di sviluppo. Non parliamo poi di Atri, dove muore definitivamente il tema del Punto Nascite, o di Sant’Omero che non sono stati praticamente considerati!”.

Il Capogruppo di “Abruzzo in Comune” lamenta inoltre le difficoltà di una Commissione Sanità gestita da remoto, con diversi Consiglieri collegati ed una oggettiva difficoltà a confrontarsi a causa delle ormai note problematiche tecniche che non sono più accettabili. “Ora il Piano di Riordino della rete ospedaliera 2019/21 avrà una lunga gestazione, dovrà passare in Giunta e poi in Consiglio Regionale e qui annuncio sin da ora che darò battaglia perché quello che ho letto non mi piace, offende e penalizza la provincia di Teramo rendendo il “Mazzini” il quarto presidio ospedaliero della regione, con una offerta decisamente inferiore rispetto agli altri capoluoghi di provincia. Un qualcosa che è inaccettabile, tanto che auspico che tutti i Consiglieri teramani, di maggioranza e opposizione, siano pronti a dare battaglia perché non è possibile che venga trattata così un territorio, quello teramano, che con questo piano diventerà la periferia dell’Impero del romano Marsilio in Abruzzo!”.

Commenta

Commenti

PER VALORE & PER AFFETTO
È un vero peccato che i nostri Ospedali ruotino intorno alle esigenze della politica regionale, che tempo per tempo si alterna ma non cambia.
Le esigenze urgenti e improrogabili dei malati sembrano non essere una priorità !

CERCASI VOLENTEROSO DISPOSTO A RIVOLUZIONARE IL SISTEMA
Com'è triste Venezia
Aznavour

Se un ospedale porta alla guarigione una buona percentuale di ammalati perde qualche reparto. Anche in.questo blog leggo con piacere i successi del nostro nosocomio con vari ringraziamenti. A volte preferiamo cambiare ospedale alla ricerca del luminare del momento, pompato per accrescere gli introiti aziendali.
L’ospedale diventa più imponente se conserva e aumenta gli ammalati.

Non c'era bisogno del piano della Veri' per capire quanto è caduta in basso la sanità teramana. Bastava guardare i primari nominati negli ultimi due anni , la loro insipienza e la loro provenienza per capire che saremmo finiti male e che ci vorranno anni per risalire anche perché molti bravi se ne vanno. E di ciò mariani è corresponsabile . Ora critica ma dove era negli ultimi anni , forse a colloquio con i capi dell'amato?

dov'è adesso il paladino della Val Vibrata mister cambio casacca SOTTOSEGRETARIO DE ANNUNTIIS???