Salta al contenuto principale
|

Teramo e la Maceria di Piazza Martiri...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Il dubbio esiste da molto tempo.
Riparare la buca che ora è diventata enorme di piazza Martiri e rischiare l'ennesima bitumata dell'ufficio manutenzione o lasciare tutto al new stile della moda del cratere sismico pret a porter?
Il sindaco D'Alberto ha rischiato l'inciampo nel pomeriggio del concerto di capodanno, sarebbe stata la foto dell'anno e intanto, di vero imbarazzo, i sampietrini accanto a via della Verdura sono ancora infangati di asfalto.
Questa non è Teramo ma a chi interessa?

 

Commenta

Commenti

Sampietrini e tavelle di porfido sono prodotti nazionali le cave sono in attività non chiuse come quelle cinesi .