Salta al contenuto principale

L'asl di Teramo alla ricerca di un alto profilo medico dopo le dimissioni del Primario di Oncologia Amedeo Pancotti

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Esiste la memoria nell'essere umano?
Esistono i ricordi?
Esiste l'empatia che conserva la sensazione delle battaglie sociali?
Era il 2013.
Lo sciopero della fame per il reparto di Oncologia di Teramo, oltre sette giorni con strascichi dolorosi, mi hanno consegnato amicizie e crude realtà.
Sull'inesistenza della riconoscenza non ci sono dubbi come non ci sono dubbi che da quei giorni è nata la rete onocologica teramana.
Vi ricordate?
https://www.youtube.com/watch?v=qvSPCcGMKDo
https://www.youtube.com/watch?v=7VAkUDfUvF8
https://www.youtube.com/watch?v=7VAkUDfUvF8
https://www.youtube.com/watch?v=tVNBTAR9hMM

Amedeo Pancotti, il primario del reparto di Oncologia del Mazzini di Teramo si è dimesso.
Sono rimasti gli infermieri, i medici, i protocolli nazionali.

Non entro nel merito delle motivazioni, non faccio di cronaca a commento l'elezione a capodipartimento del dott. Carlo D'Ugo, sono stati i medici a votare in maniera plebiscitaria, la democrazia tocca i sentimenti della professionalità, del valore e dei sentimenti ma il mio pensiero è sempre e solamente rivolto ai pazienti e al loro stato di salute.
L'asl di Teramo è alla ricerca di un alto profilo che possa degnamente sostituire il dott. Pancotti, il resto è memoria e onore che non vanno dimenticati. 
Mai. 


 

Commenta