Salta al contenuto principale
|

Gli odiatori del web che non risparmiano neanche Nadia Toffa. C'è anche un medico...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

La razza umana. La giornalista e conduttrice delle Iene, Nadia Toffa, ricoverata in gravi condizioni all'ospedale San Raffaele di Milano, è stato oggetto di ironia, sarcasmo e odio sul web. 
Milioni di messaggi di solidarietà, di affetto, di stima per un lavoro che pur nella diversità delle opinioni, pur nel rispetto di un sano e libero confronto, hanno sempre visto Nadia Toffa agire con assoluto rispetto delle persone e delle storie.
Eppure, non è stato sufficiente per allontanare gli odiatori, gli haters e i webeti. Quell'incrocio di opinionisti idioti che vivono di sciacallaggio. Tra i tanti alcuni teramani che si sono divertiti a citare l'ultima polemica delle iene. Il servizio sull'esperimento con il Cerio 144, denominato Sox, che era in programma sotto il laboratorio del Gran Sasso. Senza citare la pagina dedicata su Wikipedia a Nadia Toffa che scrive " Il 21 novembre 2017 conduce un servizio privo di fondamento su di un presunto pericoloso esperimento nucleare tenuto nascosto nel laboratorio del Gran Sasso, servizio smentito dal mondo accademico e da altre fonti". Come si fa a dire che era privo di fondamento? Il confronto è ancora aperto e la legge italiana vieta lo stoccaggio di sostanze radioattive a meno di duecento metri dalle captazioni di acqua per uso potabile.
I commenti? Assurdi. Tra di loro c'è anche un rappresentante politico e un medico.
Tutti teramani.
" è stato il Cerio 144".
"Ha shtato le radiazioni".
"Declino ogni responsabilità sui neutrini. Solo loro i responsabili".

Ecco, che cosa siamo diventati e chi, ricoprendo un ruolo importante nella società, un giorno diventerà maestro di forma ed educazione.
Perdonaci Nadia, noi siamo con te. 

Commenta

Commenti

Forza Nadia.
Ti vogliamo bene !!!

LA SOLITA VERGOGNA DI CERTI "UMANI"

Ritengo i servizi delle "Iene" semplicemente utili al miglioramento di questo Paese dove è sicuramente in aumento il numero di mascalzoni o comunque di soggetti che temono le inchieste perchè non permettono loro di delinquere liberamente o ne hanno paura perchè fanno emergere verità scomode. Pubbliche o private.
Auguro, di cuore, una pronta guarigione a Nadia Toffa.
Un forza e coraggio alla sua Redazione.

Non serve essere laureati per far funzionare il cervello in modo adeguato e neanche politici. Anzi questi ultimi sembra proprio che lo lascino a casa quando vanno a perdere tempo in Regione o al Parlamento. Povera ragazza. Spero proprio che ce la faccia a superare quanto accadutole e che presto possa tornare a "rompere le palle" (come dice D'alfonso in un fuori onda) a politici e pezzi grossi. Io glielo dico alla teramana maniera: O Nà...forze sasò...tename besugne de ta...de ssa bella faccia sembateche ma tanda serie...daje sasò...nde jetta a terre...mo arpusete e dapù...chiù furte e ngazzate de prime, m'arcummanne!!!!

Torna presto Nadia............

Ok la solidarietà per chiunque stia male, ma la Toffa è una conduttrice, non una giornalista.

Magari informarsi prima....

Nadia Toffa non ha mai detto di essere una giornalista ma di fare la giornalista. Un simile ordine esiste solo in Italia. In america i blogger vincono i Pulitzer...
Astolfo per me lei è una giornalista.Pace.