Salta al contenuto principale

Piazza Sant'Anna a Teramo. Rotti i vetri della Domus e telecamera girata....

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Telecamera girata e cancello aperto. Piazza Sant'Anna a Teramo nel cuore della Domus romana. Vetri a terra, lanci di pietre e assenza di controlli. La sicurezza non si ottiene con i cancelli  lasciati aperti o chiusi nel coprifuoco; la sicurezza è controllo costante del territorio; il fattore culturale e tante telecamere. L'unica presente a piazza Sant'Anna è stata girata. Il genio ha motivo di esistere e resistere. Barbari 1...Teramo 0.

Palla al centro...

Commenta

Commenti

Se non fosse tragico, sarebbe comico.

Avevo letto un commento riguardo all'articolo della messa in opera del cancello, che i frequentatori molesti avrebbero "traslocato" altrove a fare danni...a quanto pare questo non è successo e forse si poteva prevedere una rivendicazione violenta. Credo comunque che le forze dell'ordine abbiano degli elementi per individuare questi soggetti per le loro azioni reiterare nel tempo. Sono eventuali pene che lasciano perplessi.

Questa è una sfida ed alle sfide bisogna reagire caro signor Prefetto, caro signor Sindaco e care forze dell’ordine nella maniera dura che la circostanza richiede, senza se e senza ma. Altrimenti questa è condiscendenza se non addirittura scivolo nella connivenza arrendevole.

Rivendicazione??? Marcello , ti è chiaro il significato etimologico e semantico della parola “ rivendicazione”?

Ripeto: già secoli fa Chiodi convenì sul fatto che occorreva istituire una sorveglianza notturna. Poca roba: un solo guardiano che girasse magari in bicicletta, come ho visto fare dalle vigili di Amsterdam anche con un freddo cane. Costerebbe molto meno dei danni che ogni giorno spuntano come funghi.

Società Civile, se ci sei batti un colpo anzi due!
.... forse sarebbe ormai doveroso, spiegare e precisare, quali ostacoli si frappongono al ripristino della QUIETE della nostra centrale e bella piazza Sant'Anna, da troppo tempo, ostaggio di baby gang
"INQUIETE" !
Com'è triste Venezia
Aznavour

Hai ragione anonimo, intendevo ritorsione...pardon

Dove sono quelli del dialogo, della comprensione, della tolleranza?
Perché adesso non cercate di parlare con i ragazzi che spaccano le vetrate?
Se fanno vandalismo sarà certamente colpa della società, della crisi, del covid vero?
Voi che cercate scuse e tollerate questi gesti, cercando improbabili motivi di assoluzione, siete peggio di quei vandali perché alimentate il loro senso di impunità e di onnipotenza.
Loro spaccano vetrate perché voi lo consentite col vostro atteggiamento.
La cura? manganellate, carcere minorile e i loro genitori risarciscano i danni.
Altro che psicologi e trattati di sociologia.

quell'angolo (cancello) va chiuso ed aperto solo quando apre il sito archeologico, c'è spazio nella piazza, non vedo la necessità di andare dietro???....