Salta al contenuto principale
|

L'Asl di Teramo torna in procura per il Bar dell'ospedale...

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Il Direttore Generale dell'Asl di Teramo, Maurizio Di Giosia, torna in Procura per risolvere la questione Bar del Mazzini.
Nessuna proroga alla ditta e una nuova integrazione legale.
https://www.youtube.com/watch?v=dIGgsvpnd-E

Risponde la Basilisco srl


 

Riguardo le notizie diffuse dalla apparse sugli organi di stampa, sarebbe stato e sarebbe ancora sufficiente ed opportuno che la AUSL, nella persona del Suo D.G., piuttosto che andare in TV o in Procura, avesse deciso e decidesse, come sempre avviene nella normalità, per un sereno confronto con la ditta uscente sulle corrette modalità di attesa, previste per legge, oltre che, anticipatamente e nell'eventualità, su quelle relative al passaggio delle consegne, che pretendono la continuità gestionale, anche e soprattutto per la tutela dei lavoratori, pena la disapplicazione della clausola di salvaguardia, sventolata dal Direttore Generale senza esatta cognizione di causa.  Probabile che le ragioni di palmare "nervosismo" ed il polverone strumentalmente sollevato del vertice AUSL dipendono da altre circostanze, risultando diversamente inspiegabili.  Precisiamo che le sentenze del Giudice Amministrativo non statuiscono esplicitamente l'aggiudicazione al secondo classificato, inficiando piuttosto l'aggiudicazione in favore della scrivente Società per un evidente errore nella impostazione degli atti di gara ad opera della Ausl concedente. Ma sulla corretta interpretazione dovrà essere lo stesso Giudice Amministrativo a pronunciarsi, essendoci un tempo per legge - ancora ampiamente aperto e che la stessa Azienda Sanitaria conosce bene per averlo scritto - entro cui la legge VIETA CATEGORICAMENTE alla Pubblica Amministrazione di stipulare il contratto con il nuovo gestore e quindi procedere al passaggio delle consegne, proprio in ragione delle eventuali impugnative, da risolversi almeno in sede cautelare.  Quindi, nessuna "occupazione abusiva" dei locali AUSL. Probabile che il Direttore Generale, nella foga, sia caduto in confusione con altre situazioni, note a tutti e stranamente tollerate da tempo immemore, che non riguardano di certo la Società Basilisco. Il nostro rimane solo un doveroso contegno, teso ad evitare che la condotta poco ortodossa della Concedente giunga alle estreme conseguenze, di pregiudizio per tutti, non in ultimo per gli stessi interessi pubblici.  Quanto ai canoni, note alla ASL le ragioni di sospensione cautelativa, per le quali abbiamo richiesto da tempo, ma anche qui invano, di essere convocati per provvedere l'esatto dovuto, in contraddittorio.  Nonostante le pesanti e non veritiere accuse di "intimidazione", che respingiamo fermamente al mittente, restiamo ad ogni modo a disposizione, come sempre, per una convocazione di chiarimento  su tutto, assistiti dai rispettivi Legali, anche in diretta streaming, ove questa fosse oramai rimasta l'unica metodologia reputata consona dal Direttore Generale pro tempore.” Antonio Alati  Amm.re Unico  Legale Rapp.te  Basilisco Sr

Commenta

Commenti

Ha fatto bene

DA CHI SIAMO AMMINISTRATI POVERI NOI?

@ RicaFancy
La Asl con questa storia rischia di farsi male. Superficialità ed errori si pagano.
Era matematico finisse così.