Salta al contenuto principale
|

Video: Quella corsa automobilistica in Città era autorizzata?

1 minuto

 

 

 

Piccoli appunti da annotare per la prossima manifestazione.
I cartelli e relative ordinanze vanno rese pubbliche nelle strade ad uso di una corsa automobilistica in Città.
Ci scrivono
Via Renato Balzarini
La Strada che porta all'università...
Nessun cartello nei giorni precedenti che avvisasse della manifestazione ..
Strade chiuse senza che i residenti si fossero organizzati per tempo (mia madre invalida al 100% a casa, io che accompagno la badante in auto e mi vedo le transenne e relativi "omini" che hanno tentato di bloccarmi/invano. Ma stiamo scherzando?? Hanno aperto le barriere quando ho minacciato di chiamare i carabinieri. Ovviamente polizia municipale assente. Ti risparmio le scene dei molti residenti della zona che si sono trovati in analoghe situazioni.

Residenti (e parlo anche di ragazzini..) che uscivano dalle proprie abitazioni e si sono visti sfrecciare questi bolidi senza alcun preavviso, con una carenza di addetti alla sicurezza disarmante (basta osservare il video è notare gli innumerevoli addetti alla sicurezza presenti, le barriere...)
Qualcuno di loro mi ha accennato anche di una esistente ordinanza del prefetto che prevedeva la chiusura delle strade. Benissimo. Ma sono queste le modalità?
Dimenticavo. Io amo il mondo dei motori, le corse, le derapate, lo spettacolo.
Per lavoro, vivo nel mondo dei motori.

Ma che si faccia in totale sicurezza.
Cordialmente",

Emidio Di Teodoro
 

 

Commenta

Commenti

|

bella idea del nuovo presidente dell'ACI............
siamo a teramo

|

A Teramo meritare solo di affogare nella vostra triste e aggiungo mediocre quotidianità. Per 4 ore di strada chiusa stava per finire il mondo. Considerando il fatto che gli "omini", sicuramente più "omini" di te che scrivi, hanno consentito il passaggio ai residenti con attese di massimo 30 minuti, di fronte a alcuni soggetti poco pazienti che si sono permessi insulti, senza considerare ubriachi al volante e chi più ne ha più ne metta. A Teramo se si muove un vaso lo sanno tutti, se si muovono 40 vetture per una parata annuale nessuno sa niente. La città è morta e questi sprazzi di vita vanno lodati e non infangati da penne che per 2 like alimentano ciò che il teramano ama cioè la nullità.

|

Che vogliamo fare di questa città ormai arrozzita? Capitale Dell cultura di coda? Vergogna politica teramana

|

Organizzazione penosa!!! Commissari di gara inadeguati ed incapaci che si sono sostituiti ai vigili urbani! L'ordinanza indicava che bisogna portare a conoscenza i residenti interessati 48 ore prima dell'evento tramite l'installazione di cartelli!!! Ovviamente nulla di
questo è stato fatto.

|

Approssimazione italiana!
Seguo questo sito da tempo: capisco bene che molti non possono che esprimere la propria opinione/indignazione con le parole. Non serve, almeno fintanto che chi lavora per la collettività non capisce (e meglio non gli si fa capire) che NON GESTISCE UN POTERE, MA RENDE UN SERVIZIO. E lo deve rendere bene.
Da questa distinzione la maggioranza se ne sta ben lontana. Per convenienza.
Ciò senza nulla togliere a chi ha organizzato e realizzato l'evento de quo dando sicuramente il meglio di sé, sia pur con risultati evidentemente discutibili.

|

Ma non mi sembrano granché con queste auto rombanti, una vita a fare le giovani promesse per smarmittare a Teramo? Non parliamo poi delle superstar cittadine di altri sport! Ma è importante farsi conoscere tra le due circonvallazioni!

|

Teramano di fuori le regole sono regole.
La legge è legge. I pericoli vanno evitati, chiaro?
48 ore prima di ogni evento o manifestazione bisogna avvertire con apposita segnaletica e pubblicità la città o il quartiere oggetto dell'evento.,
 

|

In merito alla chiusura delle strade, anch'io mi trovo ogni anno nella medesima situazione con le gare di bici. Chiudono l'unico accesso senza alcun preavviso. Mi sono lamentato più volte ma continuano a fare quello che vogliono, vigili urbani in primis.

|

Teramano di fuori stai proprio fuori ma di testa.
Le regole son sempre regole ma la fregatura è che a teramo ognuno fa quello che cazzo gli pare; tanto.....