Salta al contenuto principale
|

Teramo: PIano Asfalti: Centro città e frazioni...

3 minuti

Al via il programma delle manutenzioni

Si avvia un nuovo e finalmente costante percorso di manutenzione e cura del territorio, di cui il Sindaco Gianguido D’Alberto e l’assessore Valdo Di Bonaventura sono diretti artefici. Al termine di una attenta e capillare fase di analisi della situazione, di individuazione delle priorità e di confronto con i cittadini, l’amministrazione comunale ha pubblicato l’Avviso per l'affidamento dei lavori di manutenzione straordinaria su pavimentazioni stradali e spazi pubblici nel centro storico del capoluogo e nelle frazioni.

Si tratta di un primo intervento, che apre un programma pluriennale col quale verrà assicurata la costante manutenzione del territorio. Il primo blocco dei lavori prevede un investimento di 800.000 euro ed interesserà la cinta urbana con particolare riferimento ai ponti e alle arterie di ingresso/uscita dalla città quali Viale Crucioli, Viale Crispi, via Po, per estendersi poi al centro storico. Il secondo blocco dei lavori, di circa 500.000 euro, riguarderà il territorio frazionale.

L’Avviso chiude una attività che è stata svolta con attenzione dall'amministrazione comunale e sana una ferita aperta almeno da 15 anni, causa di una situazione di degrado di fronte alla quale si è ritenuto di intervenire con una attività di strategia e non già con interventi tampone, come frequentemente registrato nel passato. E infatti la novità sostanziale dell’intervento sta proprio nel metodo applicato dall’amministrazione: la pianificazione di una azione organica e complessiva, che ha portato allo stanziamento di un milione e trecentomila euro recuperati grazie ad azione virtuosa di ricognizione dei residui dei mutui. Lo stanziamento è relativo al programma ora avviato  e annualmente si provvederà a reperire i fondi necessari ai successivi interventi di manutenzione.

Il Sindaco D’Alberto rimarca che:“Il vero aspetto innovativo della nostra attività in questo campo sta nel metodo: in passato gli interventi venivano realizzati senza pianificazione, quasi a spot, e senza una visione complessiva ed organica. Ora la rotta è invertita. Sottolineo che si tratta dell’avvio del programma, che nella sua interezza avrà uno  sviluppo  pluriennale, sempre in riferimento ad un'azione organica e programmatica. Siamo consapevoli di non poter riuscire a risolvere tutti i problemi ma è nostra ferma intenzione di dare un primo, importante segnale. Ritengo doveroso scusarmi per il ritardo ma era necessario fare le cose per bene, attendere l’approvazione del Bilancio e inoltre adeguarci alle norme del Decreto Sblocca cantieri.

L’Assessore Valdo Di Bonaventura si dichiara“Soddisfatto dell’attività , per la quale mi ero impegnato e che dà risposta ad una delle principali necessità rappresentate dai cittadini. Negli anni riusciremo a raggiungere tutte le vie del territorio, proprio in ragione della programmazione che ha guidato i criteri di intervento ora attuati. Grazie a tutto ciò, garantiremo un risparmio per le casse comunali sia per la riduzione del contenzioso connesso al rimborso danni causati dalle cadute sia per quanto riguarda le spese del materiale fino ad oggi necessario per la chiusura delle buche. Mi preme rimarcare che il lavoro verrà costantemente valutato e sarà oggetto di controllo e verifiche. Da ultimo aggiungo che abbiamo concordato la scaletta degli interventi anche con la società che sta disponendo nel territorio la fibra ottica, la quale pertanto farà i propri lavori in sintonia con il calendario di quelli comunali”.

Commenta

Commenti

Vedremo se tra 4 anni anche la via parallela a Via S.Marino sara' riasfaltata.Intanto paghiamo le tasse in silenzio.Vedremo..

Staremo a vedere, per ora non avete fatto nulla tranne che mettere qualche VERGOGNOSA pezza sparsa qua e là per il territorio.

Rifare un'asfalto sopra il precedente o scarificandolo e basta non risolverebbe il problema sopratutto in Via Crucioli e Viale Crispi, si riformerebbero subito gli avvallamenti come la volta precedente. Bisogna vedere cosa è successo sotto a dove sono gli avvallamenti cosa e agire di conseguenza per fare una corretta e duratura riparazione/manutenzione.

Basta con le chiacchiere e i blablablabla incominciate a fare qualcosa di concreto, finora non avete fatto assolutamente niente.

NON DIMENTICATE LE CANALINE.
SE L'ACQUA SCORRE L'ASFALTO DURA DI PIU'

Non pensino solo alle macchine,pensino al degrado e deterioramento dei marciapiedi che stanno perdendo le mattonelle di porfido e che ogni volta un cittadino rischia di cadere e o slogarsi una caviglia .A Teramo come in Italia c'è piu attenzione e riguardo a tutelare le macchine che le persone che vanno a piedi.

ai posteri

Gia che ormai ci siamo facciamo tutto con l'apertura delle scuole