La Teramo Ambiente e quelle strane consulenze

10
dicembre
2010
di Giancarlo Falconi

Benvenuti nell'ennesima puntata del nostro Reality  "Casa Gavioli", ovvero, le mirabili avventure dell'Amministratore Delegato della Teramo Ambiente, Stefano Gavioli, senza che il Sindaco di Teramo, il presidente Micheli, i teramani sempre per ultimi, sappiano nulla del copione del format. Avevamo lasciato la Teramo Ambiente con il gioco di natale "Le tre vendite". Con un capitale sociale di 100.000.00 euro versati da Enerambiente S.P.A. Amministratore unico: Stefano Gavioli. Socio unico: Stefano Gavioli. Stefano Gavioli vende a Stefano Gavioli che poi rivende ufficialmente alla Gavioli S.P.A. cioè Stefano Gavioli. Che ridere. Gavioli è spettacolare. Leggete insieme a me le carte ufficiali. Atti pubblici:" La società Enerambiente S.P.A. cede e vende alla società Gavioli S.P.A che accetta ed acquista l'intera quota di partecipazione di nominali 100.000 pari al 100% del capitale sociale della società Enertech S.R.l. per il corrispettivo di euro 2,200,000, che è stato regolato quanto segue 100.000 euro vengono corrisposti contestualmente alla firma, gli oltre duemilioni di euro saranno corrisposti, senza aggravio di interesse, entro e non oltre il 31 Dicembre 2010".Chi pagherà la differenza di 2,100.000 mila euro? A che cosa servirebbero? I malpensanti napoletani hanno formulato l'ipotesi di una somma utile per acquistare i compattatori, che la camorra ha distrutto a Napoli. Tre bruciati e una quarantina danneggiati. I teramani che faranno oltre pagare la TIA? Vedremo. Nel frattempo la solita fonte dei portici ci racconta di consulenze, anzi, auto consulenze, che l'ex Amministratore Delegato della Teramo Ambiente, Giovanni Faggiano (esatto il Sign. Avv. condannato a 1 anno e 4 mesi, in primo grado, per un caso di tangenti a Brindisi) si sia auto elargito come mancia, come tiket, come pour passer, come gentile omaggio, come merito, va bene mi faccio serio, per una prestazione professionale di circa 20.000 euro. Che fine avrebbero fatto questi soldi? Il presidente della Teramo Ambiente, Raimondo Micheli con il suo vizio dell'onestà cartacea, avrebbe richiesto da tempo la restituzione della somma "per caso" erroneamente elargita. Una sorta di virus. Gavioli vende a se stesso. Faggiano paga a se stesso.  Un possesso, ossesso del sesso del proprio se. 

To be continued... 

condividi

22:10
— del —
12
dicembre
2010
Bakunin
@Morgana: purtroppo le procure della repubblica non sono tutte uguali, e quella di Teramo, dubito, è la meno uguale di tutte.
20:08
— del —
11
dicembre
2010
panino
e uno scandalo già detto e ridetto .............anzi aggiungo che il gavioli spa gli è stato prorogato di 5 anni la convenzione dei servizi dal comune che poi gli hanno dato mandato di modificare il sistema di raccolta rifiuti con il porta a porta con dei costi di investimento esorbitanti con acquisti di attrezzature e automezzi ( non idonei per i lavoratori che vi operano) dove il faggiano volato a teramo su chiamata del gavioli (vai a teramo spendi e spanno)...................ed il giuoco e fatto.il resto lo conosciamo tutti.
16:04
— del —
10
dicembre
2010
Leonardo Codirenzi
Falconi................bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa, tanto non succede un.......(niente)......
8:08
— del —
10
dicembre
2010
Morgana
perchè a Roma scoppia lo scandalo parentopoli all'Atac e all'Ama e qui non succede niente?
non meritiamo la ribalta nazionale per queste notizie così carine?

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.