Il "Mito" del Santuario di Loreto è un falso teramano

11
dicembre
2010

«Il santuario di Loreto è stato per secoli ed è ancora oggi uno dei luoghi di pellegrinaggio tra i più importanti del mondo cattolico. E' stato visitato da circa 200 santi e beati, e da numerosi Papi.»Con queste righe si chiude la presentazione della “sacra casa” presente nel sito web del Santuario di Loreto, notoriamente una meta di pellegrinaggio del mondo cattolico dalla fine del medioevo. La versione ufficiale della Chiesa è che la reliquia sia stata portata nel Belpaese il 10 dicembre del lontano 1294 dopo la caduta del Regno di Gerusalemme nato a seguito della prima crociata.Quello che molti non sanno, anzi che “nessuno” sa è che prima del 1472 non ci sono testimonianze, non c’è la minima traccia della dimora mariana. Il santuario era già meta di pellegrini ma non aveva certo il fascino che avrebbe avuto all’alba dell’età moderna. Perché?La risposta è elementare: nessuno si era ancora inventato la storia – leggenda – della sacra dimora in cui alla vergine venne comunicata l’inaspettata gravidanza da un fantomatico angelo. Se tutto questo certo non stupisce – non fu infatti il primo caso di manipolazione storica né tantomeno l’ultimo – certo è interessante constatare che il genio cui balenò in mente l’idea era teramano.Pietro di Giorgio Tolomei da Teramo era infatti nel 1472 il rettore di Loreto e a lui il santuario deve la fortuna che dura ancor oggi. Il nostro concittadino commissionò poi la redazione del testo ad un altro abruzzese, Nicola di Manoppello da Chieti che scrisse su pergamena e consegnò alla storia l’ennesimo falso d’autore.

Emanuele Giancroce

condividi

17:05
— del —
1
marzo
2011
Arturo Cardelli
Si vabbè ma qualche articolo sulle bufale indù o le follie shintoiste o che ne so sulle false credenze animiste mai??!? Così, giusto per par condicio. Comunque complimenti al duro lavoro di ricerca e al magistrale debunking, un vero scoop...
14:02
— del —
12
dicembre
2010
Leonardo Codirenzi
Possono alcune pietre generare un popolo?può un falso storico attirare milioni di persone a Loreto?

io credo che a Loreto esiste qualcosa di più importante e più grande, che un semplice falso.....

Visitiamolo insieme....
12:12
— del —
12
dicembre
2010
Anonimo
Boni, non v'incavolate.
Se facciamo il giro dei santuari ci sono migliaia di bufale.
Sappiate che noi cristiani abbiamo bisogno di credere in qualche cosa e quindi ogni credente crede a quello che più gli pare e piace.
Buon Natale e siate buoni.
18:06
— del —
11
dicembre
2010
Lorella
caro Emanuele, il tuo articolo è davvero brillante!...davvero convincente! Bravo!
21:09
— del —
10
dicembre
2010
Emanuele Giancroce
Gentile lettore anonimo grazie del consiglio. Della versione ufficiale ero già a conoscenza, emulandoti ti invito alla lettura dei seguenti testi:
- M. Montesano, Distruggere, fondare, sacralizzare, in La città e il sacro.
- Grimaldi, La chiesa di S. Maria di Loreto nei documenti dei secoli XII-XV.
- G. Cracco, Alle origini dei santuari mariani: il caso Loreto.
- G. Vitolo, Pellegrinaggi e itinerari dei santi nel Mezzogiorno medievale.
14:02
— del —
10
dicembre
2010
Anonimo
Invito a visitare il sito
http://www.lavocecattolica.it/la.miracolosa.traslazione.html
Almeno per avere qualche dubbio in più
con simpatia

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.