Il corrosivo: Sarti cercansi per ricucire strappi

6
dicembre
2016
di Elso Simone Serpentini

Strappi ce ne sono stati anche a Teramo e non pochi.
Ora ci vorranno centinaia di sarti per tentare di ricucirli e anche il PD teramano dovrà diventare una sartoria.
A parte quanti sono saliti sopra Renzi e il renzismo come fanno le zecche saltando sopra i cani e si preparano a traslocare su un altro cane accorgendosi che quello al quale si sono attaccati è ormai esangue, i piddini in buona fede, e sono tanti, capiscono che tutto è perduto se non si corre ai ripari.
Anche a Teramo c’è stata una valanga di no e qualche “smarronata” ha aggravato il peso della sconfitta, carbonizzando le castagne che erano ancora buone, non molte. Adesso ci vorrà qualcuno capace di mettere la mano sul fuoco togliere le pochissime che si sono salvate.
Certo è che, se dopo il fallimento completo della seconda giunta Brucchi, alla conquista del PD al palazzo di città si apriva un’autostrada, anche se non si riusciva a intravedere chi avrebbe manovrato il volante e guidato l’auto.
Dopo la sconfitta referendaria e gli strappi interni l’autostrada è diventata un viottolo di campagna, dal tracciato insidioso per le troppe buche che metteranno a repentaglio non solo gli ammortizzatori ma l’intero assetto del veicolo.
Sarà arduo, ora, trovare un candidato appena appena presentabile, anche perché è stato fatto il solito, tradizionale, errore, di non preparare e costruire per tempo una candidatura valida, magari all’interno dello stesso gruppo consiliare.

I sarti ricuciranno, ma i vestiti rattoppati si presenteranno nella consueta forma arlecchinesca che non garantisce né eleganza né decoro.
I lacchè convertitisi al renzismo nella prima, nella seconda e ancor più quelli dell’ultima ora annaspano e vedono crollare sogni di gloria, candidature vincenti e incarichi di prestigio.
Adesso dovranno tornare a remare per non far affondare la barca, sporcarsi le mani con l’unto e con il grasso al quale non erano più abituati, infarinarsi come capita a chiunque sia costretto a frequentare i mulini. La destra non può gloriarsi di nulla.
Nemmeno del no, che in fondo, soprattutto a Teramo, non è stato una loro vittoria, ma un vittoria del popolo che ha votato.
Il no che vince non fa resuscitare il post-brucchismo e alla fine anche il gattismo non sarà che un flebile miagolio.
Peccato che il grillismo a Teramo abbia finora solo “berardineggiato” e “cardelleggiato”, rivelandosi il nulla del nulla, più che da qualche altra parte. Così, povera Teramo, nello stato agonizzante in cui si trova credo che non saprà a che santo votarsi. Il popolo teramano voterà, farà ballottaggi, e alla fine qualcuno che si insedii al palazzo di città si troverà.
Ma di che spessore e valore?
Faccio una proposta provocatoria: il prossimo sindaco estraiamolo a sorte!                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

condividi

12:12
— del —
7
dicembre
2016
Anonimo
A Teramo il 5 Stelle vero c'e' anche se ostacolato e tenuto a bada con diffide dai pescaresi forse timorosi di perdere la loro inmeritata e forunata poltrona (con annesso stipendio che pur decurtato è buono). I fatti di oggi però insegnano che gli arroganti autoreferenziali possono essere sbaragliati dal popolo quindi per il pescarese delegato a Teramoè ora di andar via insieme al brucchi per voltare finalmente pagina
21:09
— del —
6
dicembre
2016
topitti il palese
Picchiorosso senza ardire
mi associo al tuo dire
che manca ago e filo
pur se tanto c'è da ricucire .

Con tre anni in camicia bianca
di promesse a destra e a manca
adesso il Tosco è in mutanda

Per il PD strappato e liso
che in tanti hanno deriso
ci vuole un nuovo vestito
più che un Sarto a rammendar
15:03
— del —
6
dicembre
2016
picchiorosso
Più che i commenti della Di Pasquale ( vedi Centro di oggi) mi piacerebbe leggere quello del segretario comunale del PD e, perchè no, quello del segretario provinciale.
Altro che ricuciture, qua manca ago, filo e principalmente un sarto con gli attributi.
10:10
— del —
6
dicembre
2016
anonima
Ricuciranno una beata fava.
La conosce Lei prof. la novella di Andersen " I vestiti nuovi dell'imperarore"?
9:09
— del —
6
dicembre
2016
E
Dopo tutti i danni e gli inciuci del PD non vedo l'ora che siano i 5 stelle a governare il paese, l'Abruzzo e Teramo in particolare.
7:07
— del —
6
dicembre
2016
Anonimo
Dopo tutto lo sconquasso referendario e' arrivato il momento che i grillini passino a governare la cosa pubblica e dimostrino il proprio valore nel risolvere i problemi che attanagliano la quotidianità' dei cittadini.Il sorriso da primi della classe dei vari Travaglio e Scanzi, nonche' l'ispirata arguzia del provetto navigatore Di Maio, saranno la loro musa ispiratrice.I tanti entusiasti fans dei 5 Stelle ed del loro capopolo, che ha maturato significative esperienze nella gestione della cosa pubblica al di fuori dei luoghi in cui esercitava la professione di comico, potranno entusiasticamente esclamare : ecco le persone giuste.
PURTROPPO LE COSE NON ANDRANNO COSI'.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.