Noterella massonica 34: Una richiesta che non si comprende

4
agosto
2016
di Elso Simone Serpentini

Riceviamo e pubblichiamo:

 “Caro Direttore,

vedendo per caso l'articolo pubblicato nella sua rivista telematica, riportato nel seguente link http://www.iduepunti.it/il-muratore/29_settembre_2013/noterelle-massoniche-9-%E2%80%93-l%E2%80%99antica-loggia-teramana-di-fine-%E2%80%98700-finalme, dal titolo "Notarelle Massoniche 9, L'antica Loggia Teramana di fine 700 finalmente svelata", pubblicato il 29 settembre del 2013, ho notato che risulta associato a tale articolo il mio nominativo, in quanto viene richiamato il libro scritto sull'Ing. Carlo Forti da me e  dal pregevolissimo prof. Franco Eugeni.
Per nulla togliere alla qualità dell'informazione, e cioè al fatto che io e il professore abbiamo scritto insieme un bellissimo libro biografico sull'Ing. Carlo Forti, le chiedo però una cortesia importante e cioè di cancellare il mio nome tra gli autori dell'articolo pubblicato sulla sua rivista,  in quanto le eventuali origini di appartenenza alla massoneria del prof. Carlo Forti sono state svolte esclusivamente dal prof. Franco Eugeni al quale vanno i meriti di tali approfondimenti. Inoltre anche per ragioni morali,  le confermo la volontà di cancellare il mio nominativo dall'articolo per evitare anche qualsiasi fraintendimento, quali ad esempio un accostamento a tali organizzazioni: cosa assolutamente non vera. Sicuro di una sua comprensione le invio i migliori saluti.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Edoardo Giuseppe Ruscio”Anche dopo aver sentito Franco Eugeni, non faccio alcuna fatica a dare atto che nella pubblicazione in questione, a doppia firma, la parte riguardante Melchiorre Delfico e la massoneria è dovuta “quasi” esclusivamente a lui, piuttosto che a Edoardo Ruscio, che ci scrive, ma non si comprendono le ragioni della richiesta di cancellazione (o omissione) di uno dei due autori della pubblicazione stessa, soprattutto se basata su “ragioni morali”, davvero difficili da comprendere, o sulla volontà di evitare “fraintendimenti” che non si capisce su che cosa possano sorgere. Tanto più che nel nostro articolo non vengono fatti accostamenti di alcun genere né si registra alcuna “criminalizzazione” delle organizzazioni massoniche dalle quali chi ci ha scritto la lettera e avanzato la richiesta di cancellazione del suo nome vuole assolutamente prendere le distanze. E francamente la richiesta, oltre che immotivata, ci pare culturalmente riprovevole, assumendo aspetti di auto-censura che, così come qualsiasi altro riferibile alla censura, non ci appartengono. Che senso ha citare un libro, un articolo, o una pubblicazione qualsiasi “omettendo” non si sa per quale ragione, il nome di uno degli autori? (Elso Simone Serpentini)

 

Fonte: it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Forti
www.giuliaviva.it/rubriche/piazza-bella-piazza/366-ling-carlo-forti-e-le-origini-della-teramo-giulianova


 



 

condividi

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.