Salta al contenuto principale

Noterelle massoniche 33 : il “33 è solo casuale”.

11 minuti

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

  Gent.mo Elso Simone Serpentini, Le scrivo a questo indirizzo che ho trovato su internet, poiché mi è stato segnalato dal prof. Giulio Maria Chiodi un articolo apparso sulla rivista teramana "i due punti" che, facendo riferimento alla presentazione di un volume curato da me e dal prof. Carlo Di Marco presso l'Università degli studi di Teramo, adombrerebbe fantomatiche connessioni tra Heliopolis, i Centri di simbolica politica, di cui fa parte anche CRISIS e di cui sono Direttore, e simbolismi massonici. Ho letto l'articolo e sono, oltre che stupita, anche fortemente contrariata da accostamenti di assoluta non pertinenza con gli obiettivi, le attività scientifiche, le pubblicazioni, i convegni e gli studiosi della comunità scientifica a cui si fa riferimento, e di cui faccio parte da molti anni. Inoltro qui di seguito anche la lettera del prof. Giulio Maria Chiodi, la cui statura scientifica e umana di filosofo e studioso, conosciuta ed apprezzata a livello internazionale, non sto qui nemmeno a citare. Sono certa che, come suggerisce anche il prof. Chiodi, conoscendo un po' più a fondo i temi da noi trattati e i progetti di ricerca dei nostri Centri, ci si ravvederà su, del tutto inconsistenti, associazioni, riferimenti e insinuazioni apparse nell'articolo, e si vorrà far circolare un doveroso atto chiarificatore.                                                                                                                                                                 In attesa di cortese riscontro, saluto.                   Fiammetta  Ricci  
                                                                                                                                                                                                                                                                    A Elso Simone Serpentini   Rispedisco il seguente testo inviato, ma forse non giunto, il 28-4-16, pregando la vostra cortesia di far pervenire una risposta chiarificatrice.    Riferendomi ad un Suo scritto casualmente incontrato, tengo a segnalarLe che "Symbolicum" non ha proprio niente a che fare con la massoneria. Che i massoni si occupino di simboli - tutti ci serviamo di simboli - non significa affatto che chi si occupi di simbolica sia massone. Io, per esempio, mi occupo di simbolica da molti anni e mi sono dedicato ad approfondirne la metodologia, ma non ho mai fatto parte della massoneria, né mi è mai passato per la mente di  volerne far parte. E così è, almeno per quanto mi risulta, di  tutti i partecipanti al convegno teramano a cui Lei ha alluso. Mi compiaccio del Suo interesse per la rivista "Heliopolis", che è ufficiale della rete di Symbolicum. Si accorgerà, scorrendone il contenuto, che non c'entra affatto con quanto Lei si è immaginato. Si occupa di simbolica, di ermeneutica dell'opera d'arte, di pensiero dei classici e dell'interdisciplinarità loro connessa.   Non se la prenda, se mi permetto di consigliarLe di fare un po' più di attenzione alle associazioni mentali superficiali e solo impressionistiche, per non cadere in banalissimi errori e per non indurre in inganno i lettori. Ne va anche della dignità delle pubblicazioni, e c'è molto bisogno in generale di tenere alto il livello delle comunicazioni.  Quanto al  sito visitato che non si apre, è certo uno spiacevole inconveniente; ma dipende esclusivamente da una ristrutturazione in corso, che ci si augura possa risolversi al più presto.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Cordiali saluti                                                                                                                                                                                 Giulio M. Chiodi                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     LASCIAMO AL LETTORE la libertà di giudicare liberamente, sulla base di quanto sopra ricevuto, se nei due testi citati:   http://www.iduepunti.it/18_ottobre_2015/noterelle-massoniche-30-%E2%80%9Csymbolicum%E2%80%9D-e-dintorni   http://www.iduepunti.it/26_ottobre_2015/noterelle-massoniche-31-%E2%80%9Cheliopolis%E2%80%9D-e-dintorni   ricorrano accostamenti o discostamenti (pertinenti o non pertinenti), connessioni o disconnessioni, (fantomatiche o non fantomatiche), associazioni o dissociazioni (superficiali o non superficiali, impressionistiche o non impressionistiche), riferimenti o differimenti, insinuazioni o non insinuazioni, coincidenze o identificazioni, assonanze o dissonanze, causalità o determinazioni, connessioni o disconnessioni, allusioni o non allusioni. Il concetto centrale ribadito nella lettera che abbiano ricevuto è: “Che i massoni si occupino di simboli - tutti ci serviamo di simboli - non significa affatto che chi si occupi di simbolica sia massone.”, ma esso è così lapalissiano e scontato che mi sembra inutile ribadirlo. Nello specifico i miei due testi parlano di “suggestioni”, di un mio pendolo personale che oscillava tra coincidenza e identificazione, e riportano la notizia, non smentibile, che hanno lo stesso nome della rivista “Heliopolis” alcune tra le più importanti logge massoniche italiane e internazionali. Come il lettore potrà facilmente constatare nessun’altra conclusione si trae sulla rivista, sul largo uso di simboli, sugli studi di simbolica della stessa e su un convegno di alto valore scientifico.
Non sembrano pertanto riscontrabili nei due testi quelle “arbitrarie illazioni”  e quelle “inesistenti connivenze” di cui il prof. Giuliomaria Chiodi parla in un’altra e-mail nella quale, con impazienza, chiede “far cancellare definitivamente da internet quel Suo infelice testo”, cosa di cui non ravvedo la necessità, proprio a beneficio dei lettori, soprattutto dopo aver preso come  egli scrive che né lui né nessun altro partecipante al convegno e, presumo alla rivista, ha fatto parte della massoneria, né gli è mai passato in mente per volerne far parte.
Devo però far presente, per rispetto al lettore e alla verità, che quest’ultima affermazione, pur essendo assai soggettivamente importante, non è oggettivamente conclusiva né risolutiva, in quanto spesso viene fatta anche da chi della massoneria fa parte, ma vuol negare la propria appartenenza.      

Commenta

Commenti

|
Eppure io sono sempre più convinto che i "muratori" si riconoscono per i pantaloni sporchi di calce ed il cappello fatto con un foglio di giornale. Excusatio non petita . . . ?