Salta al contenuto principale

Acqua dal Gran Sasso. Forum H2O: invece di minacciare querele "preventive" nei confronti della stampa la Ruzzo Reti garantisca trasparenza

2 minuti

Il comunicato della Ruzzo Reti con il quale minaccia, preventivamente (!), di adire alle vie legali contro Le Iene che stanno girando un servizio sulla questione della captazione delle acque dai Laboratori del Gran Sasso e della contaminazione da diclorometano suscita in noi un moto di indignazione.
Infatti la Ruzzo Reti si permette di parlare nonostante sia da mesi inadempiente proprio sulla trasparenza.

Dichiara Augusto De Sanctis, attivista del Forum H2O, "Ho chiesto accesso agli atti sul caso al Ruzzo via PEC lo scorso 18 dicembre 2016, tre mesi fa. Non ho ottenuto risposta. Invece la ASL di Teramo, solo dopo un tira e molla, lo ha concesso, come d'altro lato è d'obbligo sulla base delle norme sulla trasparenza in materia ambientale (D.lgs.195/2005). Lo stesso ha fatto la Prefettura di L'Aquila. Circa 15 giorni fa ho anche sollecitato la Ruzzo Reti telefonicamente lasciando il mio recapito ma non è accaduto nulla. Ora ho dovuto interessare della questione il Difensore Civico regionale." Come mai la Ruzzo Reti non fa vedere le carte sul caso?   Per quanto riguarda la mancata comunicazione alla popolazione di quanto accaduto a fine agosto 2016 la Ruzzo Reti "dimentica" che la Regione Abruzzo ha dovuto addirittura dichiarare l'emergenza e che la captazione da quel punto è stata sospesa per 4 mesi dalla ASL. Secondo la Ruzzo Reti i cittadini non devono conoscere neanche questi aspetti? In realtà le leggi in materia di potabilità e trasparenza dicono il contrario, sia il D.lgs.31/2001 sia il D.lgs.195/2005. 
  Tra i tanti aspetti che abbiamo sollevato da tempo e su cui non abbiamo ricevuto risposta, a mero titolo di esempio, ci piacerebbe avere il commento della Ruzzo Reti sulla conformità del punto di captazione ai laboratori rispetto ai requisiti di legge, in particolare l'Art.94 del Testo Unico dell'Ambiente, D.lgs.152/2006, per quanto riguarda la Zona di Tutela Assoluta e la Zona di Rispetto che dovrebbero esserci attorno. L'Istituto Superiore di Sanità ha messo nero su bianco che non vi è conformità. Lo abbiamo scoperto solo grazie alla pubblicazione, da parte della stampa e non certo dalle autorità, di una lettera del 2013. La Ruzzo ha da dire qualcosa in merito?
  Ovviamente attendiamo risposte nel merito dei molti altri punti sollevati sul caso nei nostri comunicati stampa sull'argomento a cui le Autorità non hanno dato finora alcun seguito.
      Segreteria Operativa Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua 

Commenta

Commenti

|
Ma captate sto vaffa...